A Ragusa la Guardia Costiera ferma un grande peschereccio con 32 immigrati a bordo

IdR

Niente più traversate in gommone o su vecchie barche fatiscenti per i clandestini ma un viaggio almeno più confortevole su un normale peschereccio. E’ quanto si è presentato questa notte agli occhi della Guardia Costiera che, in acque ragusane davanti alla costa di Cava D’Aliga ha intercettato un gosso peschereccio carico di clandestini. Secondo gli investigatori questa nuovi sbarchi sulla costa della Sicilia sud-orientale, provengono non più in Libia, ma in Egitto. Il trasbordo a terra dei clandestini avveniva tramite un gommone, che nonostante sia è stato intercettato è riuscito comunque a raggiungere terra, scaricando il suo carico di clandestini. Dei fuggitivi al momento ne sono stati rintracciati solo tre. E’ stata rintracciata, però, la nave "madre", avvero il peschereccio sul quale erano ancora altri 32 extracomunitari che attendevano di effetttuare il trasbordo a terra. I clandestini stati scortati fino al porto di Pozzallo e consegnati alle forze di polizia, che stanno cercando adesso di identificare gli scafisti.