Direttore Roberto Imbastaro
 venerdí, 6 marzo 2015
link contatti pubblicità credits


venerdí 6 aprile 2012, ore 12.03
Roma Fiumicino: GdF sequestra 80 kg di "polvere bianca"
20120406_141051.jpg
Un’ennesima ondata di droga, diretta verso la Capitale e probabilmente destinata ad allietare le festività pasquali di molti “consumatori”
Stefano Serafini
<< Le Fiamme Gialle dello scalo aeroportuale capitolino individuano e arrestano 4 narcotrafficanti ed i loro carichi di “polvere bianca” che avevano nascosto fra confezioni di shampoo e pareti di valigie >> Un’ennesima ondata di droga, diretta verso la Capitale e probabilmente destinata ad allietare le festività pasquali di molti “consumatori”, è stata bloccata all’aeroporto di Fiumicino dagli uomini della Guardia di Finanza che hanno anche arrestato 4 narcotrafficanti, tra i quali pensionati italiani e due ragazze sudamericane provenienti da Santo Domingo.
I protagonisti del primo sequestro di droga sono stati proprio i due attempati corrieri, i quali, dopo aver trascorso un periodo di vacanza nelle spiagge di Boca Chica, pensavano di attraversare senza problemi il filtro dei controlli aeroportuali della Guardia di Finanza e della Dogana fidando in un sistema di occultamento dello stupefacente non certo inedito ma sempre difficile da scoprire.
Gli oltre 50 kg. di cocaina che avevano al seguito, infatti, erano stati disciolti in un centinaio di confezioni di shampoo per uso professionale e tutte perfettamente sigillate.
I finanzieri del Gruppo di Fiumicino, in collaborazione con il personale del Servizio di Vigilanza Anti Droga delle Dogane, si sono però insospettiti di fronte a quell’anomala importazione di prodotti detergenti.
Le confezioni di shampoo oggetto delle loro perplessità recavano un marchio di produzione italiano, pur provenendo dall’esotica isola di Santo Domingo, ed hanno così deciso di approfondire l’ispezione scoprendo presto lo stratagemma concepito dai due, ovvero, cocaina purissima mescolata a del normale sapone liquido.
Da notare che - sulla stessa tratta aerea - i finanzieri hanno arrestato altre due trafficanti di origini sudamericane che stavano tentando di introdurre nel territorio italiano oltre 30 kg. di cocaina.
La prima aveva con sé un solo bagaglio a mano stracolmo di panetti di cocaina, per oltre sedici chili, mentre la seconda trasportava una valigia con altri quindici chili della stessa sostanza stupefacente che stata pressofusa nelle pareti laterali grazie a un sofisticato procedimento chimico.
Tutta la cocaina sequestrata, caratterizzata da un grado di purezza decisamente elevato, avrebbe potuto fruttare alle organizzazioni criminali una cifra superiore ai dieci milioni di euro.
I quattro narcotrafficanti arrestati sono stati trasferiti presso il carcere di Civitavecchia, dove si trovano ora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


indietro  



ARTICOLI CORRELATI
GDF: intercettati 20 kg di cocaina all'aeroporto di Fiumicino

Andria: Polizia arresta 14 persone per traffico di stupefacenti e detenzione armi

Tra i giovani crescono psicopatologie legate ad alcol e stupefacenti

Reggio Calabria: vasta operazione antidroga della Polizia

Scampia: 10 arresti per spaccio e sequestrati 3 kg di droga

Scacco matto alla Dama Bianca

Polizia di Stato: blitz contro il clan camorristico "Falanga"

Ascoli Piceno: Polizia di Stato sgomina gruppo di spacciatori di eroina

"Operazione Mercurio": a Foggia Polizia di Stato ha arrestato un gruppo di spacciatori di cocaina e hashish

L'Aquila: la Polizia di Stato scende in campo contro la droga e il bullismo nelle scuole



I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA
GDF: Roma, bancarotta fraudolenta con annessa maxi evasione

Relazione Efsa-Ecdc: batteri sempre più resistenti agli antimicrobici

Mobile: Ericsson è prima nello sviluppo del 5G

Ford presenta l'app myFord Mobile

Mobile: Panasonic lancia rete virtuale

Polizia: firmata convenzione con SOGEI

Mobile: un utente su 4 non comprende i rischi delle minacce informatiche

Droni: boom tra geometri, ingegneri e archeologi

SAPPE: interventi urgenti dopo i fatti Airola e Torino

Sicurezza reti: sono i dipendenti ad entrare nelle reti aziendali

Attività internazionale | Innovazione | Primo piano | Uomini & Mezzi |
Aziende | Criminalità | Enti e istituzioni | Forze Armate | Forze di Polizia | Parlamento | Sicurezza (altro) | Sicurezza e ordine pubblico | Sicurezza reti | Sicurezza stradale | Sicurezza sul lavoro |
Armamenti e dotazioni | Reti | Sistemi e aziende |
Attività sindacale | Attività sportive | Dotazioni | Formazione | Personale |
Cooperazione | Leggi e normative | Nato | Onu | Scenari internazionali | UE |


  dati societari
© Copyright 2007 - 2015 Mediaspeed Srl