eSecurity: il progetto di soluzioni ITC per incrementare l’efficienza della Polizia

redazione

Lunedì 26 ottobre, dalle ore  9.00 presso l’Università degli Studi di Trento la Polizia di Stato, in collaborazione con  il citato Ateneo, la Fondazione Bruno Kessler, la Provincia e il Comune di Treno, si  terrà la presentazione dei risultati finali del progetto  “eSecurity”. Il progetto, quasi interamente finanziato nel 2013 dalla Comunità Europea, è stato ideato dal Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato Dott. Salvatore Ascione, dal prof. Andea Di Nicola, docente della Facoltà di Giurisprudenza di Trento, in collaborazione del  Dott. Cesare Furlanello e del prof. Giuseppe Espa, con lo scopo di trovare moderne soluzioni ITC, ovvero tecnologie dell’informazione e della comunicazione, capaci di incrementare l’efficacia e l’efficienza delle attività di polizia e degli interventi di prevenzione della criminalità a livello locale. Il  progetto, concepito per l’utilizzo da parte delle forze dell’ordine e dei decisori politici, permetterà di prevenire la criminalità e il disordine sociale in modo efficiente, riducendo i livelli di insicurezza della comunità e rendendo più incisiva l’azione nel settore della sicurezza urbana. Per raggiungere questo scopo il software sarà in grado di immagazzinare dati su eventi criminali e su disordine sociale e, grazie ad un sofisticato sistema informativo geografico (eSecGIS), potrà fornire previsioni sulla situazione criminale e di sicurezza urbana della città. Tutto questo permetterà alle forze di polizia di definire le zone di criticità, collocando al meglio le risorse, e agli amministratori locali di comprendere le dimensioni dei fenomeni in modo da formare  una risposta politica efficiente e preventiva. Il sistema, infine, attraverso un portale web dedicato, garantirà ai cittadini la possibilità di ottenere informazioni puntuali su devianza e sicurezza, nonché consigli sui comportamenti di prevenzione da tenere. All’evento saranno presenti il Questore di Trento Massimo D’Ambrosio e Maurizio Vallone, Direttore del Servizio Controllo del Territorio della polizia di Stato, nonché il Sindaco di Trento Alessandro Andreatta, l’Assessore alla coesione territoriale della Provincia Autonoma di Trento Carlo Daldoss e il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il sindaco di Livorno Filippo Nogarin ed il sindaco di Verona Flavio Tosi.