RFI- Rete ferroviaria Italiana ha scelto Sunell Panda T5 per le stazioni di Bologna, Napoli, Genova, Salerno, Verona, Ancona

redazione

A fronte dell’emanazione della circolare del Ministero dei Trasporti del 2 Giugno 2020 che imponeva la misurazione della temperatura nelle stazioni ferroviarie italiane, Rfi,  Rete ferroviaria Italiana, non potendo bloccare l’attività di trasporto pubblico (interruzione di pubblico servizio), ha richiesto con estrema urgenza a SPEE,  tra le prime società leader in Italia nel settore della sicurezza fisica integrata, il supporto per l’individuazione di un prodotto altamente tecnologico che consentisse la rilevazione automatica della temperatura di più persone in transito, in contemporanea, da installare in alcune delle principali stazioni italiane: Bologna, Napoli, Genova, Salerno, Verona, Ancona.

Il prodotto doveva rilevare in maniera automatica la temperatura corporea dei passeggeri segnalando valori dai 37,5° in su; inoltre, si voleva poter utilizzare la tecnologia a fine emergenza Covid 19, a integrazione dei sistemi di protezione precedentemente installati.

Per garantire  la continuità del servizio di trasporto ferroviario e rispettando le esigenze del cliente, Spee ha proposto  e installato il kit Sunell Panda T5.

Il sistema spiega l’ing. Gino Zuppella, Security manager dell’azienda, che ha seguito i lavori in RFI – garantisce i requisiti fondamentali, espressamente richiesti dalla Protezione aziendale RFI, di fluidità e riservatezza che rendono questa tecnologia non intrusiva e garante della privacy. Ogni kit comprende una telecamera Bi-Spectrum fornita di algoritmi di video analisi, un’unità di controllo e gestione (workstation) e un monitor e un blackbody ovvero uno strumento che, inserito nel campo di ripresa, fornisce un riferimento di temperatura costante e preciso, che la telecamera sfrutta per auto calibrarsi e aumentare l’accuratezza della misurazione. Le telecamere, esteticamente smart e di forma e design piacevole, dal simpatico aspetto di un Panda, sono in grado di fornire simultaneamente un’immagine normale e una termica della scena ripresa; il monitor è dotato di un altoparlante integrato a bordo per avvisare eventuali accessi di persone con temperatura maggiore di 37.5°.”

Per la gestione del sistema termografico è stato garantito anche un servizio di presidio giornaliero on site temporaneo ed un servizio evoluto da remoto presso il Centro Nazionale di Controllo Panotpicon di Spee attivo 24 ore su 24 7/7.

Questo ha garantito una ridondanza per la gestione delle segnalazioni, – aggiunge Zuppella che ci ha consentito di offrire al cliente in primis, una continuità operativa assoluta, ma anche di avere sistemi sempre perfettamente funzionanti, grazie all’intervento immediato da remoto di tecnici specialistici della nostra società a fronte di eventuali segnalazioni di guasto/malfunzionamento. A distanza di 4 mesi, siamo assolutamente soddisfatti sia delle prestazioni dei sistemi termografici Sunell installati, nonché della notevole fruibilità nella gestione delle segnalazioni che ci consente di garantire un servizio di elevata qualità alla nostra committente, con tempi di risposta quasi immediati“.