Social Network: uso e allarme raccolta dati

Claudia Pollara

È stata realizzata una ricerca dalla Retail Transformation, elaborata dal Digital Transformation Institute e dal CFMT in collaborazione con SWG e Assintel, circa la familiarità con i social network,le informazioni e la raccolta dei dati. La rilevazione evidenzia che più della metà degli intervistati (il 69%) conosce la definizione “social network”, il suo uso, ritenendolo valido (24%). In particolare gli intervistati dichiarano che attraverso i social acquisiscono informazioni su un prodotto o servizio più semplicemente rispetto al passato (84%), ad averne più consapevolezza per l’eventuale acquisto (62%) e di avvalersi delle recensioni influenti di altri utenti (62%).

Circa l’affidabilità dei social si rilevano opinioni discordanti:

false  recensioni vs affidabilità qualitativa del venditore (75%), affidabilità recensione vs qualità del venditore (75%), utilità delle pagine per offerte e servizi (70%), fastidio verso attività di vendita sui social (69%), eccesso di informazione disponibile e disorientante (63%). Il 68% degli intervistati ritiene che le recensioni sui blog affidate agli influencer non siano affidabili poiché seguono le direttive aziendali. Per quanto riguarda l’uso dei dati personali da parte dei social il 77% degli intervistati ritiene sia un problema piuttosto grave.

Irisultati della ricerca evidenziano anche le percentuali di panel circa: integrazione tra on line e off line e presentazione delle ricerche di scenario

Integrazione tra on line e off line
Un 72% delle persone crede nel vantaggio che porta al cliente l’integrazione dei canali di vendita on line e off line, a fronte di un 62% di aziende che hanno integrato i loro processi e gestiscono ottimamente le vendite su diversi canali.
Se si guarda al come le aziende sono presenti sui social, si nota come, nonostante in molte siano presenti, nel 61% dei casi questa presenza non è integrata con l’assistenza clienti on line e nel 64% dei casi con quella nel punto vendita.
Social Network in azienda
Le aziende coinvolte nella ricerca ritengono che un 46% delle imprese clienti utilizzino molto o abbastanza i social network, con un 52% pronto a investirci per utilizzarli in futuro.
Il grado di complessità di integrazione di canali digitali social è ritenuto particolarmente complesso nel controllo di qualità (62%), nella contabilità e nel controllo di gestione (60%), in progettazione, ricerca e sviluppo (56%) e nella produzione di prodotti e nella erogazione di servizi (55%).

Presentazione delle ricerche di scenario
Le ricerche di scenario, che indagano il rapporto di utenti ed aziende verso quelle tecnologie digitali attivatrici dei processi di trasformazione digitale (IoT, AI, Blockchain, Big Data, Social Media) vengono presentate in un ciclo di incontri, nel corso dei quali esperti e specialisti si confrontano con i partecipanti in una vera e propria conversazione guidata sulla digital transformation e sugli impatti che questa ha su business, economia e impresa, nell’ambito del percorso DAI “Digital Awareness Improvement”.

Dopo gli appuntamenti di Roma e Milano, l’ultimo evento in programma è previsto per il 24 gennaio a Milano sul tema “Social Internet of Things: la comunicazione digitale nell’era dei Big Data e dell’IoT”.

Il commento
“La discrasia nelle percentuali riferite alla scelta tra privacy e servizi è tutt’altro che inspiegabile” – afferma Stefano Epifani, presidente del Digital Transformation Institute. “Benché strumenti come i social media siano ormai maturi in termini di diffusione sono tutt’altro che tali in termini di cultura d’uso da parte degli utenti. Una delle conseguenze è questo approccio apparentemente “schizofrenico” alla gestione dei propri dati: da una parte le persone sono teoricamente “gelose” dei propri dati, dall’altra li cedono – più o meno inconsapevolmente – per accedere a servizi solo apparentemente gratuiti. Ancora una volta, serve consapevolezza nella gestione di questi strumenti. Quella consapevolezza che ci consentirà di scegliere quando cedere le nostre informazioni ed a che condizioni, e quando tenerle riservate. È molto probabile che in futuro nella percezione degli utenti la sfera del privato perderà parzialmente terreno, ma è importante che tale perdita di terreno avvenga in modo consapevole, perché difficilmente sarà reversibile”.

Metodologia adottata
Indagine online condotta con tecnica Cawi/Cami (Computer Aided Web/Mobile Interview) con un campione nazionale di 1.000 internauti rappresentativo della popolazione italiana per genere, età e zona di residenza. L’indagine è stata svolta su piattaforma SWG tra il 29 agosto e il 11 settembre 2018. L’indagine sulle aziende è stata realizzata in collaborazione con Assintel.