Arti marziali, simposio a Udine

Tiziana Montalbano
Sono oltre mille gli atleti attesi il 3 aprile a Udine alla seconda edizione del ‘World Symposium’,
raduno mondiale dei maestri di arti marziali e di esperti di autodifesa per forze di polizia. La manifestazione e’ stata presentata oggi nel capoluogo friulano dall’ ente promotore, il Centro italiano sicurezza e autodifesa presieduto da Andrea Cainero e diretto da Marco Cavalli. Venti le nazioni partecipanti, tra le quali anche il Giappone, gli Usa e Israele, con la presenza di 83 maestri (22 stranieri) e 91 associazioni sportive (22 dall’ estero). ” Un evento di altissimo livello – ha commentato il presidente del Cisa Cainero – reso possibile anche grazie alla collaborazione di maestri friulani come Giovanni Di Meglio, Claudio Artusi, Andrea Buttazzoni, Fabrizio Lazzarini e Lorenzo Drexler”. Alla manifestazione, sostenuta da Regione, Provincia e Camera di Commercio di Udine, tutte le maggiori discipline saranno rappresentate: dal karate al ju-jitsu, dal wing tsun all’ aikido e al knife, solo per citarne alcune. Per l’ evento, in programma al PalaCus di viale delle Scienze, arriveranno a Udine oltre
1.500-2000 tra atleti e appassionati: oltre 100 dal vicino Veneto, 550 dalla provincia di Udine, per un totale di 33 associazioni sportive. Tra i maestri ospiti piu’ quotati ci sono il californiano Stephen Collins, l’ ungherese Miroslaw Kuswik, il giapponese Masj Maira e il francese Philippe Floch. Il 2 aprile, ‘ special class’ su invito e a porte chiuse riservata alle forze dell’ ordine. Ad accogliere i colleghi dall’Italia e dall’ estero sara’ il dirigente della Divisione anticrimine della Questura di Udine
Ezio Gaetano.