ASSIV: aumenta l’indice Istat che misura il clima di fiducia delle imprese

Roberto Imbastaro
Sale l’’indice composito calcolato dall’Istat che misura il clima di fiducia delle imprese italiane. Nel mese di agosto l’indice si assesta a 82,2 contro 79,8 del mese di luglio.

L’’andamento dell’indice complessivo rispecchia il miglioramento della fiducia delle imprese della manifattura e, con maggiore intensità, dei servizi di mercato e del commercio al dettaglio, categoria questa che include i servizi alle imprese e altri servizi che comprendono secondo la classificazione Ateco, tra gli altri, i servizi di vigilanza e investigazione; risulta invece in lieve calo la fiducia delle imprese di costruzione.

In particolare l’’indice del clima di fiducia delle imprese dei servizi sale da 75,7 di luglio a 79,7. Crescono sensibilmente i giudici sugli ordini (da -27 a -19 il saldo) mentre si contraggono le relative attese (da -11 a -13) migliorano le attese sull’andamento dell’economia in generale (da -44 a -38 il saldo). Peggiorano i giudizi sull’’occupazione (da -5 a-12) e scende il saldo delle aspettative sulla dinamica dei prezzi (da -13 a -15).

Per quanto riguarda la ripartizione territoriale, il clima di fiducia delle imprese dei servizi di mercato aumenta al Nord (da 78,7 a 85,5 nel Nord-ovest e da 67,9 a 73,0 nel Nord-est) e nel Mezzogiorno (da 76,0 a 76,5); scende, invece, al Centro (da 74,3 a 73,6).