Bergamo: Polizia e Finanza arrestano responsabili di furto in appartamento

Roberto Imbastaro

La Polizia di Stato di Bergamo e la Guardia di Finanza di Brescia stanno eseguendo alcune misure cautelari nei confronti di cittadini italiani e stranieri ritenuti responsabili dei reati di furto in appartamento, ricettazione, truffa e utilizzo di carte di pagamento clonate. Contestualmente sono in corso decine di perquisizioni nelle province di Bergamo, Brescia, Milano e Cremona. 

Le attività investigative, iniziate nel 2013, svolte dalla Squadra Mobile di Bergamo e dal Nucleo di Polizia Tributaria di Brescia, hanno consentito di accertare che i reati, tra i quali furti in appartamento, truffe commesse mediante la spendita di assegni rubati o smarriti, ricettazione, e, in un caso, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sono stati commessi principalmente nelle province di Bergamo, Brescia, Mantova, Cremona e Milano.

Il gruppo criminale aveva posto la propria base operativa in un edificio nelle vicinanze di Brescia, di proprietà di una società immobiliare fallita, che è stato sottoposto a perquisizione.

All’operazione ha collaborato personale del Commissariato di P.S. di Treviglio, del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia, del Reparto Volo di Milano, del Reparto Cinofili della Polizia di Stato e del Comparto AT.PI della Guardia di Finanza.