Commvault estende la protezione automatizzata del cloud ai workload Kubernetes enterprise

redazione

Commvault, leader mondiale nel data management in ambienti on-premises, cloud e SaaS, ha esteso la protezione per i workload Kubernetes, con miglioramenti completamente automatizzati in termini di gestione, replica, migrazione e sicurezza, che riguardano il suo intero portfolio di offerta. Le nuove funzionalità, fornite attraverso le offerte Commvault Complete Data Protection e Metallic®, offrono ai clienti una gestione semplice e una protezione di livello enterprise per ambienti ibridi multi-cloud.

Sempre più spesso le organizzazioni adottano Kubernetes per modernizzare i loro ambienti e accelerare la migrazione delle applicazioni verso il cloud. Secondo Gartner, entro il 2025 l’85% delle aziende globali eseguirà applicazioni containerizzate in produzione[1].

Integrando la protezione di Kubernetes nel proprio portfolio, Commvault consente alle aziende di innovarsi. I più recenti miglioramenti alla protezione dei dati Kubernetes includono:

  • Protezione e ripristino cloud-native completi per l’intero ecosistema Kubernetes, compresi cluster completi, namespace e protezione delle certificazioni ETCD e SSL.
  • Test di sviluppo ed eventi del ciclo di vita più rapidi e semplici con migrazioni senza soluzione di continuità delle applicazioni Kubernetes tra cluster, distribuzioni, versioni e storage.
  • Disaster recovery economicamente efficiente grazie alla sostituzione delle applicazioni business-critical offsite per il ripristino delle applicazioni on-demand, senza infrastrutture a lungo termine.

“Utilizzando la piattaforma unica di Commvault, siamo in grado di monitorare e valutare in modo preventivo i rischi, mitigare le minacce informatiche al business e proteggere tutti i workload, incluso Kubernetes, nel multi-cloud – riducendo il nostro OPEX fino al 40% rispetto a soluzioni precedenti,” dichiara Bruno Bianchini, Head of Infrastructure & Technological Services – Global Digital Solutions, ENEL. “Commvault si è rivelata la soluzione più efficace a supporto della nostra strategia di crescita e del nostro percorso di trasformazione digitale, senza impatti su produttività e servizio clienti.”

Già definito leader e “outperformer” nel report 2022 Radar di GigaOm per la protezione dei dati Kubernetes, il portfolio Metallic di Commvault è l’unica soluzione di Data Management as a Service (DMaaS) a soddisfare lo status FedRAMP Ready High, rispondendo a una lacuna critica del mercato.

“Accolgo con particolare piacere il fatto che Commvault stia portando su Kubernetes soluzioni di gestione dei dati di livello mondiale”, commenta Nigel Poulton, autore, formatore ed evangelist di Kubernetes. “Avendo una consolidata esperienza in questo mercato, è entusiasmante vedere come i leader di settore di lunga data ne prendano seriamente in considerazione l’evoluzione – aspetto quanto mai critico in settori come quello bancario e sanitario, in cui è necessario disporre dell’intero spettro di protezione prima di poter distribuire nuovi workload in azienda.”

Per avere maggiori informazioni sulle offerte Kubernetes di Commvault, è possibile registrarsi all’evento Commvault Connections, nel corso del quale Nigel Poulton terrà una sessione chiamata“Is Kubernetes Cloud-Native Data Protection the Next Frontier?”. Il form di registrazione è disponibile qui.


[1] Best practice per l’esecuzione di container e Kubernetes in produzione – 4 agosto 2020 – Gartner ID G00730344