Covid-19, la sanità è sempre sotto attacco

redazione

La pandemia COVID-19 rappresenta la più grande crisi sanitaria pubblica degli ultimi cento anni e poiché i cybercriminali cercano di sfruttarla, è diventata anche un importante problema di sicurezza per le organizzazioni sanitarie, tanto che mantenere le informazioni sicure e conformi non è mai stato così complesso e critico. Proofpoint, leader nella sicurezza informatica e compliance, ha pubblicato il nuovo Healthcare Threat Landscape report che descrive in dettaglio le divisioni sanitarie più a rischio, con indicazioni sulla provenienza delle minacce.

 

Il settore si è rapidamente adattato a quella che è una sfida sia medica che commerciale. Le organizzazioni hanno adottato nuovi protocolli sanitari e di sicurezza, hanno abbracciato la teleassistenza e sono passate al lavoro a distanza, ovunque possibile. E in molti casi, si sono adeguate a nuovi modelli di domanda, acquisto e finanziamento dell’assistenza sanitaria.

 

Purtroppo, anche i “cattivi” si sono adattati. Spammer, hacker, cybercriminali, stati nazionali e altri malintenzionati – figure note collettivamente come Threat Actor (TA) hanno integrato temi legati al COVID-19 nelle loro campagne di phishing e social engineering.

 

Poiché siamo ora in una seconda ondata di COVID-19 in tutta l’area EMEA e i professionisti del settore sanitario continuano a comunicare tramite misure online e via e-mail, guardare alla sicurezza informatica e alle potenziali minacce focalizzandosi sulle persone è sempre più rilevante, in Italia e a livello globale.

 

I principali risultati:

  • Al culmine della pandemia nel marzo 2020, le organizzazioni sanitarie, rispetto ad altri settori, hanno ricevuto circa il 16% in più di messaggi pericolosi associati alle campagne.
  • Nel 77% di tutte le cyber campagne lanciate nella prima metà del 2020, almeno un cliente del settore sanitario ha ricevuto un messaggio pericoloso.
  • L’attore iraniano Silent Librarian ha preso di mira i portali di business intelligence farmaceutica. Sulla base delle informazioni pubbliche, è probabile che Russia e Cina stiano prendendo di mira le opportunità di accesso e la proprietà intellettuale relativa ai vaccini COVID-19.
  • Nel 90% degli attacchi di Business Email Compromise (BEC) focalizzati sul settore sanitario analizzati da Proofpoint, l’e-mail aveva un oggetto vuoto, facendo così venir meno un importante indicatore di rilevamento da parte dei team di security operation e per la consapevolezza degli utenti.

 

Esempi di minacce cyber nel settore della sanità

  • Farmaceutico: TA505 ha preso di mira i produttori farmaceutici mentre la pandemia correva verso il suo picco. In questa campagna, il 78% degli oltre 250.000 messaggi pericolosi della campagna era destinato a organizzazioni farmaceutiche e di life science.
  • Ospedali: Proofpoint ha registrato rischi di terze parti all’interno di negozi collocati presso gli ospedali, che operano sulla stessa rete, identificando un sistema di elaborazione dei pagamenti che serve esclusivamente i negozi di souvenir ospedalieri compromesso da MageCart. Su oltre 200 organizzazioni che hanno ricevuto queste e-mail legittime che conducevano a un sito web di terze parti “armato”, il 74% era rappresentato da istituzioni sanitarie.
  • Portali assicurativi clonati: Un attaccante sconosciuto ha sviluppato un portale clonato, utilizzando e-mail con argomenti quali “aggiornamento della nostra Informativa sulla privacy” come esche con l’obiettivo di raccogliere le credenziali degli utenti.
  • Ospedali pediatrici: Un attacco di phishing ha fatto leva sulla legge statunitense CARES Act come esca legata ai pagamenti di stimolo economico associati a COVID-19 ed è stato diretto in modo massiccio al settore sanitario. Gli ospedali pediatrici e universitari sono stati i principali destinatari di questa minaccia. Data la sensibilità dei dati sull’identità dei bambini, qualsiasi loro esposizione può avere impatti a lungo termine sull’integrità dell’identità di un individuo.

 

“Gli attacchi di oggi prendono di mira le persone, non solo la tecnologia. Sfruttano il “fattore umano” presente anche nella sanità moderna: la naturale curiosità dei lavoratori, i forti limiti di tempo e il desiderio di rendersi utili”, spiega Ryan Witt, Managing Director, Healthcare Industry Practicedi Proofpoint. “Allo stesso tempo, la pandemia globale ha accelerato il passaggio ai servizi di teleassistenza e al lavoro a distanza, tanto che mantenere le informazioni sicure e conformi non è mai stato così difficoltoso, e al tempo stesso critico.”

 

Proofpoint continua a raccomandare un approccio incentrato sulle persone per valutare il rischio e garantire che gli utenti capiscano come individuare i messaggi di posta dannosi. Poiché la compromissione delle e-mail aziendali (BEC) è in costante aumento, disporre di un solido sistema di difesa può supportare efficacemente la protezione degli utenti da queste minacce.