Databricks espande la presenza globale con un investimento nel mercato italiano

redazione

Databricks, la società di Dati e AI, ha annunciato oggi l’espansione delle sue operazioni globali per coprire il mercato italiano. Con più di un terzo del suo business SEMEA rappresentato da clienti italiani come Barilla illimity, Databricks vede una grande opportunità di espandersi in uno dei paesi in più rapida crescita dell’area, con l’intenzione di assumere un team locale di professionisti che include data specialist, sales engineer e partner manager.

L’azienda sta registrando oltre il 100% di crescita YoY in SEMEA e nella regione EMEA nel suo complesso e, oltre ai suoi piani di espansione in Italia, ha uffici locali in Francia, così come una presenza in crescita in Spagna. Databricks ha sviluppato per prima un’architettura semplice e aperta per i dati e l’AI – la Lakehouse – che porta l’affidabilità, la governance e le prestazioni di un data warehouse direttamente nei data lake in cui le organizzazioni già archiviano i loro dati.

L’Italia è a un punto di svolta per la crescita tecnologica e Databricks vede un’opportunità per aiutare i clienti locali a gettare le basi per innovare con i dati e l’AI. Con practice e risorse consolidate, Databricks e una rete di partner, sta aiutando i clienti a migrare dall’architettura legacy on-premise al cloud. Importanti marchi italiani nel settore manifatturiero, retail, FIS, energia e pubblica amministrazione hanno già capito le potenzialità del data lakehouse.  Ad esempio, il gruppo bancario high-tech illimity, sta sfruttando la piattaforma Databricks Lakehouse per inserire i principali dati bancari, in alternativa all’analisi manuale dei dati che può comportare dei rischi.

“Come prima banca cloud-native in Italia, abbiamo sempre sostenuto l’innovazione e la creazione di interazioni personalizzate con i nostri clienti. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo dovuto trovare un modo per gestire la grande quantità di dati e ottimizzare la nostra comprensione di essi per prendere decisioni informate sul business e sui nostri clienti, rispettando allo stesso tempo le normative sulla conformità dei dati. Databricks è il partner che ci aiuta a raggiungere questo obiettivo”, commenta Renzo Rognoni, Head of Central Functions Solutions di illimity.

Databricks sta anche lavorando con partner a livello locale, come AvanadeBitBang, NTT Data Italia, Cluster Reply e Data Reply per supportare i clienti a innovare più velocemente con i dati e l’AI.

“Siamo lieti di far parte dell’ecosistema di partner SI di Databricks e di supportarla nell’aiutare le aziende italiane a sfruttare le potenzialità della piattaforma lakehouse. L’esperienza del nostro team nell’advanced analytics e nei servizi dati AI-powered, combinata con il centro di competenza Databricks, ci permette di affiancare clienti come illimity a innovare più velocemente con dati e AI”, dichiara Marco Gatta, Partner di Data Reply.

“Grazie alla partnership con Databricks, abbiamo rafforzato il nostro core tecnologico e siamo in grado di offrire ai nostri clienti una soluzione end-to-end, con una forte componente innovativa e consulenziale. Questa competenza, unita alla partnership strategica dell’azienda con Microsoft, ci permette di mantenere una posizione di leadership nell’ambito di dati e AI”, aggiunge Simone Scalabrin, Partner di Cluster Reply.

Guillaume Brandenburg, RVP Enterprise per SEMEA ha commentato: “Siamo entusiasti di ampliare la presenza di Databricks in Italia e di costruire un team di livello mondiale che aiuterà a portare la potenza della piattaforma lakehouse a più organizzazioni data-driven in tutto il paese, e più in generale nella regione SEMEA. Stiamo scoprendo che molti clienti in Italia hanno bisogno di supporto con Hadoop e le migrazioni di data warehouse. Lavorando a stretto contatto con i partner, Databricks può aiutare le aziende di tutte le dimensioni ad alimentare la trasformazione digitale con dati e AI”.

L’azienda ha raccolto quasi 3,6 miliardi di dollari ed è stata valutata 38 miliardi di dollari, dopo il finanziamento Series H dell’anno scorso, che includeva investimenti da parte di Amazon Web Services (AWS), CapitalG e Microsoft, aziende leader nel cloud e partner strategici. L’azienda ha precedentemente riferito a Bloomberg di aver chiuso l’anno fiscale 2022 con 800 milioni di dollari di ARR, un salto dell’80% rispetto all’anno precedente. Databricks è stata fondata dai creatori di importanti iniziative di software open-source tra cui Apache Spark™, Delta Lake e MLflow.