Droga: GdF di Bari sgomina organizzazione albanese

M.S.

Ventisei ordinanze di custodia cautelare sono state emesse stamattina, su richiesta del DDA, dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Bari nei confronti di altrettanti membri di una organizzazione criminale albanese dedita al traffico internazionale di stupefacenti. 120 i militari impegnati nell’operazione investigativa che ha interessato le province di Roma, Bari, Firenze, Frosinone, Macerata, Como, Varese, Perugina, Rieti e Udine. Le indagini, partite nel 2001, hanno consentito alla Guardia di Finanza di tracciare l’organigramma del gruppo malavitoso e di identificare i due capi di origine albanese che vivono in Toscana. L’operazione è solo uno dei rami di un filone investigativo molto più ampio. Fino ad oggi, infatti, oltre ad aver portato al sequestro della droga (77 Kg di eroina e 7 di cocaina) ha determinato il deferimento all’autorità giudiziaria di 110 persone di cui 30 arrestate in flagranza di reato. Secondo le indagini della Finanza di Bari, inoltre, l’organizzazione recuperava le sostanze stupefacenti dall’est con provenienza dall’ Albania e dal nord America. Una volta arrivate in Italia venivano smistate, attraverso due canali, in Toscana (la cocaina) o dalla Puglia al Lazio, l’eroina. Il trasferimento del denaro, invece, avveniva tramite il meccanismo del ‘money transfert’ utilizzato di solito dagli extracomunitari.