Festa dei nonni: i consigli per prendersi cura di loro

redazione

Il 2 ottobre, in Italia, si celebra la Festa dei Nonni. Una giornata non a caso coincidente con la festività liturgica degli Angeli Custodi. Chiamarli solo “nonni”, infatti, è riduttivo, visto il contributo quotidiano all’organizzazione di milioni di famiglie italiane, come documentato anche da Federindustria: durante il primo anno di pandemia i nonni nel nostro Paese hanno contribuito per oltre €38,3 miliardi ai bilanci delle famiglie, contribuendo alle spese, all’acquisto di libri, giochi, abbigliamento e altri beni. Proprio per questo Verisure ha pensato a una serie di consigli che possano aiutare nella vita di tutti i giorni i nostri amati nonni, il cui valore va al di là di tutto.

“I nonni sono una risorsa preziosa per le famiglie italiane. Per chi li ha, vicini, presenti e disponibili. Il lavoro dei genitori richiede spesso un supporto organizzativo da parte di queste figure che, avendo tempo libero, sono ben contente di dare aiuto ai figli”, afferma la psicologa e psicoterapeuta Ilaria Merici. “Ma soprattutto, i nonni sono curiosi e poi entusiasti di esercitare un ruolo diverso dal punto di vista emotivo, più legato al gioco, alla leggerezza di un tempo senza scadenze e al racconto di storie che costruiscono una sorta di romanzo familiare tra generazioni”. 

Come noto, l’Istat registra da anni una popolazione anziana in costante crescita: secondo il Rapporto Istat 2022, gli over 65 sono oltre 14 milioni, circa 3 milioni in più rispetto a venti anni fa. E nel 2042 saranno quasi 19 milioni. Ma non è tutto: oggi 4,6 milioni di anziani hanno bisogno di aiuto nella cura personale e della casa. 

“I nonni sono anche anziani che in compagnia di bambini possono sentirsi meno sicuri e minacciati dai pericoli della città, soprattutto per la notte. Considero utile un sistema che possa dare più tranquillità a tutti e permettere un tempo di maggiore qualità, privo di preoccupazioni e ansie”, continua la dottoressa Merici. 

In questo senso, un sistema di allarme e monitoraggio degli ambienti domestici come quello di Verisure, multinazionale leader in Europa e in Italia nei sistemi di allarme per case, famiglie e negozi, rappresenta un valido aiuto per fare sentire gli anziani più sicuri e tranquillizzare i familiari che – per lavoro e impegni quotidiani – non possono essere sempre presenti al loro fianco. Sono tanti i piccoli, grandi accorgimenti che si possono mettere in atto per prendersi cura di questi pilastri della famiglia. Ecco allora 5 semplici consigli da parte degli esperti di sicurezza di Verisure:

1. La sicurezza a portata di mano. 

Dotate la casa dei nonni di una cassetta del pronto soccorso sempre rifornita e riponetela dove possano trovarla facilmente in caso di necessità. Annotate in un posto ben visibile – come la porta del frigorifero o, per i nonni più smart, la rubrica del loro cellulare – i numeri da chiamare in caso di emergenza.

2. Una rete sociale. 

“It takes a village”, direbbero gli inglesi. Un sistema di supporto è di grande aiuto per prendersi cura dei più fragili. In mancanza di parenti in grado di fare visita agli anziani, aiutarli nelle commissioni o in caso di bisogno, è sempre bene creare una rete sociale, dai vicini di casa agli amici di quartiere, o coinvolgere una delle numerose associazioni di volontariato attive sul territorio.

3. Allerta truffe.

Assicuratevi che i nonni chiudano sempre la porta di casa, non solo di notte. I malviventi prendono sempre più di mira i bersagli più vulnerabili: importante avvisare gli anziani, senza spaventarli, dei rischi che corrono ad aprire la porta a sconosciuti, per quanto innocui possano sembrare. Per una maggiore peace of mind, si potrebbe dotarli di un Sistema di Sicurezza con Salvavita anziani collegato ad una Centrale Operativa H24, cioè un Pulsante SOS indossabile, di piccole dimensioni e semplice da usare, con cui richiedere intervento immediato in caso di pericoli, cadute o malori. La Centrale Operativa Verisure, ad esempio, gestisce le richieste SOS con la massima priorità; se l’anziano è impossibilitato a parlare, si collega alle fotocamere in casa per capire l’accaduto e inviare i soccorsi più adeguati mentre rimane in contatto con lui finché non si sente di nuovo al sicuro.

4. Occhio a cadute e infortuni. 

Si sa, i nonni spesso si sentono invincibili, e se sicuramente sono i supereroi dei nipotini, è vero anche che con l’età acquistano qualche fragilità. Cercate di convincerli a non fare lavori pesanti o mosse rischiose quando sono soli in casa ed eventualmente dotate l’abitazione di videocamere di sicurezza a cui collegarvi da App ogni tanto – col loro benestare ovviamente – per assicurarvi che non siano scivolati e magari non riescano a chiedere aiuto. Anche in questi casi, un Pulsante SOS indossabile può rivelarsi davvero utile.

5. Bando alla solitudine! 

Al di là di tutto, il modo migliore per prendersi cura dei propri nonni è dir loro quanto li amiamo. Facciamo loro visita spesso, invitiamoli a cena, facciamo videochiamate e passiamo del tempo di qualità con loro. Questi i regali più graditi che possano ricevere.