Festival Informatici Senza Frontiere Intelligenza Artificiale Rovereto (TN) 19-21 ottobre 2023

L’Intelligenza Artificiale è il tema dell’ottava edizione del Festival Informatici Senza Frontiere, in programma a Rovereto (TN) dal 19 al 21 ottobre, con talk, dibattiti, incontri, laboratori, mostre, spettacoli e proiezioni cheinvitano a riflettere sull’uso consapevole delle nuove tecnologie, sui rischi e le opportunità e sulle implicazioni etiche e sociali del loro utilizzo in campo sociale, culturale e industriale. Gli ospiti sono tra i più competenti sul piano nazionale ed internazionale su Intelligenza Artificiale, generative AI, quantum computing, blockchain e criptovalute, cyberguerra, bioinformatica: ricercatori e scienziati, docenti universitari, giornalisti, filosofi, imprenditori, rappresentanti delle istituzioni, personalità del mondo della cultura e dell’informatica.

“Quest’anno parleremo di intelligenza artificiale, per comprendere come questa “tecnologia” ci coinvolga e che ruolo avrà nel nostro prossimo futuro. L’intelligenza, quella delle persone, è sempre la chiave per risolvere i nostri problemi, ma occorre conoscere con che cosa abbiamo a che fare e individuare gli strumenti che possiamo acquisire o potenziare per applicarla efficacemente” dichiara il nostro Presidente Maurizio Sapienza.

Trenta gli appuntamenti in programma in tre giorni.

Tra i protagonisti dei panel, delle conferenze e degli incontri:  Massimo Canducci,  David OrbanRoberto NavigliPaolo AttivissimoGigi Giancursi. Fabio Celenza, Barbara Zanon, Gian Piero Siroli, Norberto PatrignaniLeonardo De RossiFrancesco MagnocavalloRosa LanzilottiFabio PaternòMassimo Zancanaro, Silvia DemofontiGianluigi GrecoGianluca Schiavo,  Marcello PelilloDaniele Agostini, Daniele Barca, Gaetano Fabiano, Pietro Monari, Alberto Montresor, Irene Donato, Alberto Ronchi, Francesco Pezzutto, Maurizio Sanarico, Giovanni Valbusa. 

Diversi gli spettacoli in programma.  Giovedì 19 alle 19.30 al Teatro Zandonai, è un viaggio in acustico con Gigi Giancursi attraverso i testi delle canzoni, per esplorare il difficile rapporto tra l’essere umano e l’innovazione tecnologica nel campo della comunicazione. A seguire, alle 21, la proiezione del film “After work” e il dialogo con il regista Erik Gandini. Un documentario esistenziale, curioso e cinematografico che attraverso le esperienze dirette dei suoi protagonisti provenienti da quattro nazionali emblematiche – Kuwait, Corea del Sud, Usa e Italia – esplora cos’è oggi l’etica del lavoro e come potrebbe essere un’esistenza libera dal lavoro. Venerdì 20 alle 18.45 il palco del Teatro Zandonai è per Fabio Celenza che porta in scena uno spettacolo esilarante, senza pause, doppiando dal vivo tutti i cavalli di battaglia che lo hanno reso famoso in questi anni. Alle 21 “Bagliore Live” è uno spettacolo immersivo dal vivo con cuffie. È la storia di Nina, un’adolescente che si perde in montagna e che, mentre il suo smartphone non prende e si sta scaricando, fa i conti con la propria vita, le proprie ansie, in primis quella da social media.

Tra i tanti eventi anche la mostra della fotoreporter Barbara Zanon,  nota alle cronache nazionali per la pubblicazione di un falso reportage di guerra dal fronte ucraino realizzato con l’IA, espone per la prima volta il suo progetto alla Biblioteca Civica Girolamo Tartarotti, in occasione del Festival Informatici Senza Frontiere, dal 19 ottobre al 6 novembre. 

Violenza Offline” è invece il progetto di sensibilizzazione sulla tematica delle violenze subite in rete e sui social network: insulto, bullismo, persecuzione online, revenge porn e discriminazione sono le tante forme di violenza che colpiscono i ragazzi. I nove manifesti, esposti nell’atrio dell’università di Palazzo Piomarta, dal 17 al 22 ottobre, sono stati creati in classe dalla 3°A, indirizzo grafica del Liceo Artistico Depero di Rovereto. Il progetto ha partecipato al concorso E.I.P Italia Scuola strumento di pace.

In programma anche laboratori per ragazzi e classi scolastiche.  

Tutti gli eventi del festival sono in presenza e gratuiti.