GdF, arrestato boss latitante a Reggio Calabria

Tiziana Montalbano

La GdF di Reggio Calabria nei giorni scorsi ha proceduto all’arresto di Antonino Labate, reggente dell’omonima cosca locale, eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa nel 2007 per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. L’uomo, ritenuto elemento di primo piano della ‘ndrangheta reggina e a capo di una cosca specializzata soprattutto nel racket ai danni degli esercizi commerciali della zona, era latitante da un anno, quando era riuscito a sfuggire all’arresto insieme al fratello Michele (tuttora ricercato). Gli altri tre fratelli furono tratti in arresto in quell’occasione e sono tuttora detenuti. Labate è stato sorpreso dagli  uomini del Gico del nucleo di Polizia tributaria in uno stabile a Reggio. Alla cattura si è arrivati proprio dal capillare controllo del territorio che il clan esercitava in città.