GdF: fino a Santo Domingo per rintracciare un bancarottiere

Giovanni De Roma

Aveva causato un dissesto finanziario da 40 milioni di euro, appropriandosi indebitamente di 15 altri milioni prelevati dalle casse societarie e, per questo aveva subìto una condanna a 8 anni di reclusione per il reato di bancarotta fraudolenta (poi ridotti a 6 e mezzo) che però non aveva mai scontato essendosi stabilizzato a Santo Domingo.

E’ questa la vicenda di R.A, un sessantanovenne già a capo di una società torinese attiva nella gestione di alberghi e ristoranti di lusso famosi in tutta Italia il quale, dopo l’ingentissimo “crack” finanziario realizzato con un suo socio, pensava di sfuggire alla Giustizia italiana trasferendosi nella rinomata isola.

Sono stati i finanzieri del Comando Provinciale di Torino, in collaborazione con l’Interpol, a localizzare il lontano luogo presso il quale lo stesso latitante si era nascosto a luglio scorso.

Il procedimento di arresto nei confronti di R.A. si è completato ieri all’aeroporto di Malpensa, dove gli uomini della Guardia di Finanza lo attendevano prima di condurlo presso il carcere di Busto Arsizio e dove ora sconterà la pena stabilita.