GdF in Lombardia, sequestra fuochi illegali e abbigliamento contraffatto

Tiziana Montalbano

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Milano, ha individuato un sodalizio criminale dedito alla commissione di svariati traffici illeciti (contraffazione marchi e ricettazione di ogni tipo di prodotto). Durante numerose perquisizioni avvenute in gran parte del nord Italia, sono stati rinvenuti e sequestrati oltre 50.000 capi di abbigliamento contraffatti delle piu’ note griffes internazionali e 17 tonnellate di pericolosissimi artifici pirotecnici di origine cinese nascosti in due box di Monza ed in un deposito dell’interland milanese. Oltre 10 le tonnellate stipate sotto una palazzina di 3 piani che, in caso di esplosione, sarebbe probabilmente crollata. Vista l’estrema instabilità e la collocazione in un luogo densamente abitato, le operazioni di rimozione, trasporto e stoccaggio in luogo idoneo di tale materiale esplodente, sono state svolte dal personale del nucleo artificieri antisabotaggio della polizia di stato, in estrema sicurezza e nel corso di tre lunghe giornate, durante le quali le fiamme gialle hanno effettuato una costante vigilanza ai siti, atta ad evitare possibili incidenti. Le operazioni condotte dai finanzieri del comando provinciale di Milano, oltre a quanto detto, hanno permesso la segnalazione all’autorità giudiziaria di venti persone per i reati di associazione a delinquere, contraffazione, ricettazione e detenzione illegale di materiale esplodente.