GdF, Roma: scoperti due laboratori per la preparazione della cocaina

Ernesto Bruno

Ci sono volute alcune settimane di indagini ma, alla fine, i finanzieri del Comando Provinciale di Roma sono comunque riusciti a individuare due laboratori clandestini in cui venivano preparate dosi di cocaina, nonché ad arrestare 5 persone colte in flagranza di reato proprio mentre confezionavano le dosi per il mercato clandestino dello spaccio.E’ stato proprio monitorando i luoghi di spaccio frequentati da pusher e tossicodipendenti che i militari delle Fiamme Gialle, dopo una lunga serie di appostamenti e pedinamenti, sono riusciti a identificare i componenti di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio della coca.Seguendo i movimenti di questi soggetti, i finanzieri sono poi riusciti anche a localizzare le basi logistiche della loro organizzazione in cui avvenivano le operazioni di approntamento delle dosi.Acquisiti sufficienti elementi investigativi è così scattato il blitz nei due laboratori, situati nei popolosi quartieri romani di La Rustica e Tor Sapienza, all’interno dei quali sono stati sorpresi e arrestati quattro pregiudicati romani e uno di nazionalità albanese. Oltre all’arresto dei 5 componenti della banda, l’operazione ha consentito di sottoporre a sequestro oltre un chilogrammo di cocaina pura, bilancini di precisione, sostanze da taglio e circa diecimila euro in contanti, questi ultimi probabilmente provenienti dallo smercio di droga. Trovate e sequestrate anche due pistole automatiche illegalmente detenute ed alcune palette segnaletiche con stemmi e scritte delle Forze dell’Ordine.Secondo gli investigatori della Guardia di Finanza, le dosi sarebbero state spacciate nelle piazze della Capitale e del suo hinterland con un guadagno stimato in oltre centomila euro.