GdF: scoperta discarica abusiva a Mondragone

GLB

Lo hanno sorpreso proprio mentre stava scaricando lungo un canale dei sacchi di plastica ricolmi di scarti alimentari provenienti dal suo laboratorio di pasticceria, e per questo i finanzieri del Comando Provinciale di Caserta hanno dovuto arrestarlo salvo poi scoprire che la tutta la zona era praticamente adibita a discarica abusiva per rifiuti d’ogni genere.

Protagonista dell’increscioso episodio un pasticcere 61enne che, evidentemente, aveva pensato bene di risparmiare sui costi di smaltimento per i rifiuti prodotti dalla sua attività artigianale per riversarli sulle sponde del canale “Agngena” nei pressi di Mondragone (CE).

La circostanza, però, ha indotto le Fiamme Gialle casertane a effettuare un sopralluogo nei siti circostanti, e proprio grazie a questo ulteriore controllo è stato così possibile scoprire un’area di proprietà demaniale, compresa tra due rami del canale Agnena con estensione complessiva di oltre 111.000 mq., interamente adibita a discarica abusiva e sommersa da rifiuti di ogni tipo come: lastre in eternit, plastica, materiale da risulta, elettrodomestici dismessi, frutta avariata, cassette di legno e persino carcasse di animali.

Alla luce di ciò, i finanzieri hanno dunque sottoposto a sequestro l’intera area e avviato una serie di interventi presso le Autorità competenti, finalizzati alla bonifica del sito e al ripristino dello stato naturale dei luoghi.

Per l’anziano pasticcere, considerate le sue non ottimali condizioni di salute, l’Autorità Giudiziaria competente ha disposto gli arresti domiciliari (in attesa del processo che sarà celebrato per direttissima) mentre l’autovettura, all’interno della quale aveva trasportato i rifiuti, è stata sequestrata.

GLB