Guardia di Finanza: arrestato esponente cosca reggina

red

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia della locale Procura della Repubblica hanno eseguito, nelle prime ore del mattino del 30 dicembre, un provvedimento di “fermo” nei confronti di un esponente di spicco della cosca BARRECA di Reggio Calabria. F.G. (classe 1965), pluripregiudicato, con precedenti per associazione a delinquere di stampo mafioso, è accusato di aver posto in essere una complessa attività estorisiva nei confronti di operatori economici della città reggina nell’ambito di una più ampia azione finalizzata alla riacquisizione del controllo del territorio di competenza della cosca di appartenenza, ultimamente in difficoltà a seguito del “pentimento” di Filippo BARRECA.Le attività investigative, condotte da tempo dalle fiamme gialle e scaturite da diverse segnalazioni giunte al Comando Provinciale di Reggio Calabria da parte di imprenditori ed esercenti di attività commerciali della città, si sono sviluppate attraverso numerosi pedimanenti e appostamenti e nell’efficacissimo utilizzo, all’insaputa dell’esercente ultima vittima dell’estortore, di apparecchiature di audio e video ripresa occultate all’interno ed all’esterno del locale. L’attività tecnica svolta, in particolare, ha consentito di dimostrare l’effettivo coinvolgimento del fermato nella illecita attività contestatagli; le immagini catturate con i micro apparati elettronici hanno infatti perfettamente colto F.G. nell’intento di farsi consegnare una somma di 300 euro cui sarebbe dovuta seguire, secondo le intenzioni dell’estortore, ampiamente compendiate dalle registrazioni audio acquisite dagli investigatori, la corresponsione di altri quantitativi di denaro.Gli elementi raccolti sono stati ritenuti idonei dalla competente Autorità giudiziaria per l’emissione del decreto restrittivo della libertà personale, che è stato eseguito dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Reggio Calabria.Sono in corso ulteriori riscontri tendenti a verificare la partecipazione di altri soggetti alla vicenda delittuosa e la fondatezza delle ipotesi di tentativo da parte delle persone coinvolte di ripristinare l’egemonia della famiglia BARRECA nel controllo del territorio della periferia sud di Reggio Calabria.Si tratta di attività che la Guardia di Finanza realizza nell’ottica di innalzare il livello di sicurezza economico-finanziaria del territorio.Solo dando fiducia ai cittadini ed al mondo imprenditoriale può infatti attuarsi quell’inversione di rotta in grado di assicurare, nel tempo, la crescita e lo sviluppo delle aree geografiche in cui la presenza di organizzazioni criminali radicate mina la libertà d’impresa e la sana concorrenza economica.