Il bilancio dei controlli nell’ultima settimana della Polizia Ferroviaria

redazione

20 arrestati, di cui 10 latitanti, 189 indagati e 55.021 identificati: è questo il bilancio dei controlli nell’ultima settimana della Polizia Ferroviaria. Sequestrati oltre 2,2 kg di sostanza stupefacente. 4.370 le pattuglie impegnate in stazione e 281 a bordo treno, per un totale di 632 treni scortati. 279 servizi antiborseggio e 129 le sanzioni elevate. 20 i minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle famiglie o alle comunità; 94 i cittadini stranieri sorpresi in posizione irregolare.

 

Attività intensificate anche grazie all’operazione straordinaria “Stazioni Sicure”, mirata al controllo di bagagli e passeggeri, che ha visto impegnati nella giornata del 23 luglio, in tutte le principali stazioni italiane, 1.376 operatori della Specialità Polizia Ferroviaria, con 11.257 identificati e 1.528 bagagli ispezionati.

In particolare,  gli Agenti della Polizia Ferroviaria di Torino Porta Nuova hanno tratto in arresto un quarantenne italiano, senza fissa dimora, responsabile di furto aggravato presso un esercizio commerciale della stazione di Torino Porta Nuova. L’uomo, che si era impossessato di auricolari del valore complessivo di 150 euro, è  stato intercettato dagli Agenti ed, a seguito di un controllo, è emerso che aveva numerosi precedenti di polizia per furto in diversi esercizi commerciali della città ed in appartamento, nonché per ricettazione. E’ risultato, inoltre, sottoposto all’obbligo di firma presso un Commissariato di P.S. cittadino, e denunciato anche per possesso ingiustificato di armi e grimaldelli per i molteplici arnesi e coltello trovati a seguito di perquisizione personale.

 

La Polizia Ferroviaria di Milano ha arrestato un cittadino italiano di 29 anni per possesso di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio. L’uomo, che alla vista degli operatori Polfer ha tentato di nascondersi, è stato rintracciato. Nel suo trolley sono state rinvenute svariate confezioni contenenti circa 600 grammi di marijuana, 1,2 kg di hashish ed un grammo di cocaina.

 

Nello scalo ferroviario di Cagliari, la Polizia Ferroviaria, in collaborazione con il personale delle Ferrovie dello Stato Italiane, ha avviato un’intensa attività di controllo e sorveglianza dell’area adiacente all’ingresso secondario della stazione, in via la Playa, da tempo utilizzata come discarica a cielo aperto. Attualmente sono circa trenta i soggetti sorpresi a depositare sacchi di rifiuti di ogni genere. Dai primi accertamenti sono scaturite sanzioni per oltre cinquemila euro.

 

Durante la settimana appena conclusa numerosi sono 10 i latitanti finiti nella rete dei controlli intensificati  dalla Polizia Ferroviaria nelle stazioni in vista delle partenze estive.

 

In Lombardia sono 4 i ricercati arrestati: a Milano Porta Garibaldi un cittadino della Sierra Leone, dovendo espiare la pena della reclusione di circa 1 anno e 5 mesi per maltrattamenti in famiglia; a Brescia un rumeno per ricettazione furto e frode informatica; a Treviglio (BG) due evasi dagli arresti domiciliari.

A Venezia Mestre un dominicano era ricercato per una condanna per spaccio di stupefacenti, doveva espiare una pena di 6 anni.

A Verona un moldavo era ricercato a seguito di una condanna per furto e ricettazione: doveva espiare 1 anno e pagare una multa di 650 euro.

Nella stazione di Bolzano un pluripregiudicato, di origine marocchina, è stato arrestato per l’esecuzione di un ordine di carcerazione per maltrattamenti in famiglia. L’uomo era ricercato dal 2015, dovendo scontare un anno e nove mesi di reclusione.

Arrestato nella stazione di Civitavecchia dalla Polizia Ferroviaria un italiano di 54 anni, che aveva un mandato di cattura, dovendo espiare tre mesi di reclusione per i reati di furto e ricettazione.

Un cittadino marocchino è stato arrestato a Barletta. Era ricercato per una condanna in materia di stupefacenti; l’uomo è stato sorpreso dagli agenti mentre urinava contro una parete. Al controllo è emerso il provvedimento da eseguire: una condanna a tre anni e una multa di 21 mila euro.

Nella stazione di Siracusa un uomo è stato arrestato perché evaso dagli arresti domiciliari, essendosi allontanato arbitrariamente dalla propria abitazione sita in provincia di Ragusa.

 

Tra le storie “a lieto fine” gli Agenti della Polizia Ferroviaria di Roma Tiburtina hanno salvato un anziano signore di 92 anni, che inciampando era finito in una buca in cui è installato il deviatoio degli scambi tra i binari. I poliziotti udendo la richiesta d’aiuto dalla voce molto flebile dell’anziano lo hanno trovato incastrato nella buca e lo hanno subito estratto di peso e messo in sicurezza. L’anziano era per sbaglio sceso dal treno alla fermata di Roma Tiburtina, mentre il figlio lo attendeva a Termini. Gli Agenti lo hanno accudito e hanno informato il figlio che si è immediatamente ricongiunto con il padre.