La Polizia di Stato disarticola associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti con base operativa in provincia di Vicenza

redazione

Le indagini condotte dalle Squadre Mobili di Vicenza, di Venezia ed il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, hanno portato all’esecuzione di 12 misure di custodia cautelare, disposte dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Venezia nei confronti di persone gravate da indizi di colpevolezza di traffico di stupefacenti, in particolare dell’importazione di ingenti quantitativi di cocaina da Sud America.

L’operazione Makina, questo il nome dato alla complessa ed articolata indagine, ha avuto luogo prevalentemente in provincia di Vicenza, in particolare nel comune di Montecchio Maggiore, ove risiedono molti degli indagati destinatari delle misure cautelari, mentre altri si trovavano, al momento dell’esecuzione dei provvedimenti, in provincia di Reggio Calabria, ad Africo, ed in provincia di Trento.

Oltre all’esecuzione delle misure cautelari emesse dall’Autorità Giudiziaria di Venezia, sono state eseguite numerose perquisizioni domiciliari sia nei confronti degli indagati, che di diversi soggetti, emersi nel corso delle indagini, e legati agli indagati per traffici di natura illecita, in particolare per spaccio di stupefacenti.

Per la complessità e la portata dell’operazione, l’odierna attività di polizia giudiziaria ha richiesto anche la collaborazione e l’impiego, nella fase esecutiva, di numerosi agenti della Polizia di Stato provenienti dalle Squadre Mobili di Verona, Padova, Trento, Trieste, Treviso, Belluno, Pordenone e  Ferrara, dal Reparto Volo di Venezia, dal Reparto Prevenzione Crimine di Padova e da unità cinofile antidroga inviate dal Sevizio Reparti Speciali della Polizia di Stato.

 

Le indagini dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia, sono state avviate all’inizio del 2017, dopo che le autorità croate avevano segnalato, l’arrivo di un container, al porto di Rijeka, proveniente dal Perù che, dopo aver transitato per la Slovenia, sarebbe successivamente giunto in Italia attraverso il valico di confine italiano di Fernetti (TS).

 

La Polizia croata aveva rinvenuto, all’interno del container, circa 480 chilogrammi di cocaina. Tutta la droga, divisa in 456 panetti, era stata ingegnosamente nascosta in una cavità appositamente ricavata all’interno di un macchinario per la produzione di laminati, poi termosaldata, in modo da poter eludere eventuali controlli sia da parte delle autorità doganali che di quelle di Polizia.

 

Una volta rinvenuta l’ingentissima quantità di stupefacente, si è quindi proceduto, con la collaborazione delle autorità croate, di quelle slovene e della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, ad eseguire una consegna controllata internazionale, lasciando all’interno del container circa 2 chili di cocaina rispetto ai restanti 478, già sequestrati.

 

Grazie alle tempestive indagini, veniva individuato il destinatario finale del “carico illecito” in un soggetto originario e residente in provincia di Vicenza.

 

Gravi indizi di colpevolezza sono emersi per aver organizzato assieme a quelli che successivamente sarebbero stati individuati come i componenti del sodalizio criminale, il trasporto della laminatrice a bordo di un camion, al cui interno dovevano essere nascosti 480 chili di cocaina, in un’azienda con sede nel vicentino, a Schio.

 

Una volta giunto in provincia di Vicenza, il camion veniva fermato e accuratamente perquisito dagli agenti della Polizia di Stato ed al suo interno venivano rinvenuti, dentro la macchina laminatrice, due chili di cocaina, rispettivamente divisi in due panetti. L’uomo veniva, quindi, arrestato in flagranza di reato.

 

Le immediate e successive attività investigative, dirette ad individuare e disarticolare il gruppo criminale responsabile, tra l’altro, del tentato ingresso in Italia di quasi mezza tonnellata di cocaina,  sono state avviate e condotte anche attraverso il ricorso a numerose intercettazioni telefoniche ed ambientali, analisi di tabulati, traffici telefonici e sistemi di videosorveglianza, nonché pedinamenti e servizi di osservazione.

 

Grazie alle indagini dirette dalla D.D.A di Venezia, gli investigatori della Squadra Mobile e del Servizio Centrale Operativo, sono riusciti ad acquisire e cristallizzare significativi indizi  nei confronti di un sodalizio criminale con base operativa in provincia di Vicenza, a Montecchio Maggiore.

 

Le indagini hanno evidenziato il coinvolgimento ed il ruolo nell’organizzazione criminale oggetto dell’indagine Makina, di un ulteriore  soggetto all’epoca dei fatti   latitante, arrestato nell’agosto del 2019 in provincia di Messina, ritenuto esponente di spicco della cosca GALLACE di Guardavalle, nel catanzarese.

Gli approfondimenti investigativi hanno consentito di accertare che il  gruppo criminale disponessero di una struttura perfettamente organizzata, in grado di attingere a notevoli risorse economiche e capace di pianificare e gestire il trasporto, anche oltreoceano, di ingentissimi “carichi” di cocaina, provenienti dal Sud America.

 

Nel corso delle indagini sono emerse, tra l’altro, le modalità attraverso le quali i sodali comunicavano tra loro. In particolare, i contatti e le comunicazioni, avvenivano inoltre attraverso l’utilizzo di telefoni cellulari “criptati”, non intercettabili dalle forze di Polizia. Gli apparecchi in questione utilizzavano del traffico telematico criptato, prodotto per mezzo di messaggi email transitanti su specifici server situati in paesi esteri, la cui individuazione è risultata estremante difficile.

 

Sono emersi gravi indizi a carico del sodalizio, nei cui confronti l’Autorità Giudiziaria di Venezia ha emesso dodici misure cautelari  – otto O.C.C.C., due AA.DD. e due obblighi di dimora e di presentazione alla P.G. – da tempo radicato nella provincia vicentina, era dedito all’importazione di cocaina dal Sud America ed alla vendita di partite di droga alla malavita locale.

 

Nell’ambito di questa attività investigativa, la Guardia di Finanza di Vicenza  – Nucleo di Polizia Economico Finanziaria – ha svolto specifici ed accurati accertamenti sui patrimoni degli indagati.

 

Conseguentemente nella giornata odierna, nel medesimo contesto operativo, così come disposto dal G.I.P. di Venezia nel provvedimento cautelare, è stata data esecuzione alla misura del sequestro preventivo, ai fini della confisca, di denaro, beni o altre utilità nella disponibilità di alcuni indagati, per un controvalore di circa 246.000