L’Anno Santo 2016 ha già un indirizzo in rete

redazione

Roma si appresta ancora una volta a celebrare un Giubileo. E questa volta su Internet vi è già una nuova via Francigena, parallela a quella che un tempo i pellegrini percorrevano da Canterbury fino al Soglio di Pietro, dove il Giubileo che verrà è già arrivato. Il "Decumano" di collegamento più importante parte dal portale Il-Giubileo2016.com e dal suo omologo The-Jubilee2016.com che, a partire da oggi, in modo semplice e intuitivo consentiranno ai moderni "viaggiatori attrezzati di mouse" di orientarsi all’interno della storia dei giubilei e delle notizie relative all’Anno Santo Straordinario indetto da Papa Francesco.

Tra esperienze, racconti, eventi e iniziative proposte dal nuovo portale, le persone di tutto il mondo potranno anche partecipare virtualmente al Giubileo Straordinario, manifestando la propria adesione online alla Community de Il-Giubileo2016.com, presente anche su Facebook e su Twitter.

Punti di riferimento per l’orientamento dei visitatori all’interno del sito sono le rubriche"Attualità", "Riflessioni" e "In Primo Piano", che verranno aggiornate periodicamente per dare spazio alle notizie relative al Giubileo 2016, mentre le sezioni sulla barra di navigazione ospitano le informazioni storiche relative a tutti i giubilei.

Il-Giubileo2016.com proporrà inoltre viaggi virtuali per conoscere in anticipo i posti da frequentare nei giorni di pellegrinaggio e le informazioni sugli alberghi e ristoranti e sulle abitudini della Capitale, pubblicando le notizie sulle giornate e sugli eventi più importanti di questo prossimo Anno Santo.

Ma l’obiettivo principale del nuovo portale è quello di fornire ai suoi visitatori uno spazio virtuale il cui intento è quello di riunire tutti coloro che condividano lo spirito del Giubileo. Così, sulla via Francigena virtuale proposta da Il-Giubileo2016.com, oltre ad informarsi su come vivere gli eventi più importanti di questo prossimo Anno Santo, vi è anche la possibilità di esprimere la propria adesione alla community del sito, per un pellegrinaggio da compiere con il mouse e con la mente.


Per il Giubileo straordinario, anche a Roma, sarà attivo il Numero Unico per le emergenze 112, che avrà una centrale unica di risposta per tutte le chiamate di soccorso qualunque sia il numero di emergenza (112, 113, 115 e 118) che verrà composto dal cittadino.

L’attuazione del servizio unico di emergenza partirà il 1 novembre prossimo su Roma e, successivamente, sarà estesa su tutto il territorio regionale del Lazio.

Lo ha deciso oggi la Commissione Consultiva voluta dal Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ed operante presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Il numero unico di emergenza, che avrà solo su Roma un bacino ordinario di utenti  di circa 3 milioni di abitanti più quelli che giungeranno in occasione degli eventi straordinari, consentirà, grazie anche ad interventi di miglioramento tecnologico, di incrementare sensibilmente i livelli di efficienza e tempestività nelle risposte e nel soccorso ai cittadini.

Il modello adottato nel Lazio sarà lo stesso già attivo nella Regione Lombardia, la più popolosa d’Italia, e che ha recentemente ricevuto dall’EENA, Associazione Numero di Emergenza Europeo, l’importante riconoscimento del 112 Awards come miglior progetto di centrale unica di emergenza europea.

Il Ministro Angelino Alfano ed il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a breve sottoscriveranno il protocollo d’intesa con il quale sarà regolamentato il servizio di risposta alle chiamate di emergenza sul territorio laziale.