Le Fiamme Gialle smascherano finto cieco

Giovanni De Roma

Avrebbero scoperto anche prima la sua finta cecità, ma il periodo di arresti (in carcere e domiciliari) ai quali era stato sottoposto per altri reati, tra i quali il tentato omicidio della sua ex convivente avvenuto a seguito di un accoltellamento, hanno solo ora permesso di smascherarlo definitivamente e di denunciarlo per truffa aggravata ai danni dello Stato.

E’ questa la curiosa vicenda che ha visto come protagonista un 57enne palermitano, titolare di un esercizio commerciale di prodotti ittici il quale, risultando affetto da cecità assoluta, percepiva un assegno mensile dall’’INPS oltre ad un’indennità di accompagnamento per il suo status di invalido civile.

Terminati almeno per il momento i suoi guai con la giustizia, i finanzieri palermitani hanno potuto finalmente osservarne le azioni e gli spostamenti scoprendo ben presto che il soggetto in questione, in realtà, vedeva benissimo.

L’utilizzo dei mezzi pubblici, l’attraversamento di strade trafficate, ma anche le mansioni tipiche della sua attività lavorativa di pescheria come lo sfilettamento del pesce, il conteggio dei soldi consegnati dai clienti e la pulizia del proprio bancone non facevano altro che confermare i sospetti iniziali.

Sulla base delle inconfutabili prove video fornite dalle fiamme gialle, l’Autorità Giudiziaria ha cosi disposto l’immediata sospensione dei trattamenti pensionistici di cui l’uomo era indebitamente beneficiario, nonché il sequestro – c.d. “per equivalente” – dei suoi beni e delle sue disponibilità finanziarie per la somma di 70.000 euro, importo pari a quanto percepito sin dal suo riconoscimento di (falso) invalido.