Mafia: videopoker e scommesse online per SCU, arresti

Roberto Imbastaro
Riciclaggio, trasferimento all’ estero di capitali ingenti, impiego di denaro dalla provenienza illecita, operazioni che servivano secondo gli investigatori a finanziare l’ organizzazione mafiosa Sacra corona unita (Scu), anche attraverso investimenti nel settore della distribuzione dei videpoker e delle scommesse online: sono accuse che vengono contestate a vario titolo a 19 persone, arrestate stamane dalla guardia di finanza nel Brindisino. Sequestrati beni per 19 milioni di euro in applicazione della normativa antimafia. Tra gli arrestati figura Albino Prudentino, ostunese di 61 anni, ritenuto elemento di rilievo della Scu. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di un’ ordinanza di custodia cautelare del gip di Lecce: secondo l’ accusa, Prudentino si sarebbe avvalso di prestanome, professionisti e societa’ compiacenti a cui era stato demandato il compito di reinvestire i presunti proventi illeciti nell’ economia locale.