Manfredonia: arrestati gli autori di una serie di omicidi

redazione

La Polizia di Stato di Foggia, il Commissariato di P.S. di Manfredonia, con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di quel Comune, hanno eseguito diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere, nei confronti di un gruppo di giovani ed incensurati garganici, ritenuti responsabili di una  lunga serie di omicidi compiuti nel comune di Manfredonia.

Gli episodi delittuosi riguardavano il duplice omicidio di CASTRIOTTA Francesco e BALSAMO Antonio, la scomparsa e l’omicidio di SALVEMINI Cosimo, nonché l’omicidio di DI BARI Matteo, tutti avvenuti a Manfredonia (FG), rispettivamente in data 5 giugno, 18 luglio e 5 novembre 2012.

La mattina del 06 novembre 2012 a Manfredonia si rinveniva il corpo esanime di Matteo DI BARI,  all’interno del garage in suo uso, la vittima aveva mani e piedi legati con dello scotch, il capo sfondato da un oggetto contundente ed un profondo taglio alla gola. Alla vittima, inoltre, era stata sottratta la collana che indossava e la somma di circa 700 euro,   gli assassini avevano asportato anche attrezzi ed una tanica di gasolio presenti all’interno del box e successivamente, recatisi a casa della vittima, avevano rubato due telefoni cellulari ed una cassetta di sicurezza priva di contenuto di valore.

I primi accertamenti condotti  dalla Squadra Mobile della Questura di Foggia e dal Commissariato di P.S. di Manfredonia, permettevano di individuare un sospettato, persona che in passato aveva avuto frequentazioni con la vittima e due suoi complici. Le investigazioni permettevano di acquisire evidenti e gravi indizi che collegavano in modo inequivocabile i tre giovani all’omicidio del Di Bari, inoltre emergevano elementi di responsabilità che collegavano uno dei giovani arrestati al duplice omicidio avvenuto il 5 giugno 2012 a Manfredonia in danno di Francesco CASTRIOTTA ed Antonio BALSAMO, nonché alla  sparizione del giovane Cosimo SALVEMINI, avvenuta il18 luglio 2012.