Maroni a Caserta: “Buon coordinamento tra forze di polizia e magistratura”

Paola Fusco

Nel casertano sono aumentate denunce e controlli, diminuiscono i furti, gli arresti sono cresciuti di cinque volte. I dati li ha forniti direttamente il ministro dell’Interno Roberto Maroni al termine della riunione che ha presieduto ieri pomeriggio nella Prefettura di Caserta con i vertici di Carabinieri, Polizia, Guardia di finanza e dei Procuratori della Repubblica di Napoli e Santa Maria Capua Vetere. "L’incontro è servito a un aggiornamento delle iniziative di contrasto alla criminalità organizzata – ha detto Maroni – e sono soddisfatto delle notizie che ho appreso. Mi pare che ci sia un ottimo coordinamento tra forze di polizia e magistratura. Tra un mese faremo nuovamente il punto anche per valutare la presenza dei militari schierati nel casertano che è prevista, in base al decreto del governo, fino al 31 dicembre". Il ministro ha diffuso alcuni dati: "Gli arresti nel casertano dal 22 settembre al 22 ottobre sono cresciuti di cinque volte, passando da 57 a 298; le denunce sono aumentate da 79 a 228; le persone controllate da 3684 a 19.815, mentre i furti sono diminuiti da 2118 a 112". Il ministro ha poi incontrato il presidente della Federazione nazionale della Fnsi, Franco Siddi, e il segretario dell’associazione napoletana della stampa, Enzo Colimoro, ai quali ha assicurato uno scambio permanente di informazioni attraverso la Prefettura per garantire maggiore sicurezza ai giornalisti che lavorano nelle zone a forte presenza di criminalità organizzata.