Olio contraffatto: sequestri dai Nas in tutta Italia

Tiziana Montalbano

Nel corso della prima mattina di oggi, il N.A.S. Carabinieri di Bari ha eseguito 39 ordinanze di custodia cautelare, di cui 25 in carcere, nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla produzione e commercializzazione di olio extravergine di oliva sofisticato e contraffatto.
I provvedimenti restrittivi, emessi dal GIP presso il Tribunale di Foggia, sono la conseguenza delle risultanze investigative ottenute dai Carabinieri del N.A.S. di Bari in tutto il territorio nazionale.
L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, ha permesso di appurare e disarticolare un vasto e radicato sodalizio criminale dedito alla produzione e commercializzazione nazionale ed internazionale di olio extravergine sofisticato e contraffatto.
L’addizione fraudolenta avveniva mediante l’uso di olio di semi di soia e/o di girasole, addizionati con betacarotene e clorofilla industriale. Tali prodotti, imbottigliati con etichette di fantasia riferite ad aziende inesistenti, venivano successivamente commercializzati sia nel mercato nazionale che estero. A supporto della diffusa rete di attività illecita, venivano utilizzati falsi documenti commerciali e di trasporto al fine di attestare l’autenticità di provenienza dell’olio.
La fase conclusiva dell’operazione ha permesso:
– l’esecuzione delle misure nelle province di Foggia (26), Milano (5), Napoli (2), Brindisi, Campobasso, Latina, Salerno, Bari e Varese;
– il sequestro di 7 oleifici;
– di bloccare il tentativo di esportare un’ingente partita di olio contraffatto verso Stati Uniti e Germania.