Operazione “Bisht”: sgominato gruppo di narcotrafficanti

Redazione

Cinquantaquattro ordinanze di custodia cautelare, quarantotto corrieri arrestati in flagranza, centosessantadue persone indagate, altri settantaquattro soggetti identificati ed oltre ventisei chilogrammi di sostanza stupefacente sequestrata, di cui ventitré suddivisi tra eroina “brown sugar” e “rosa”, tre chilogrammi di “hashish” e settecento grammi di cocaina. Settanta, invece, i chilogrammi di sostanza da taglio sequestrati.Sono questi i principali numeri dell’operazione antidroga della Squadra Mobile della Questura di Modena denominata “Bisht” (“codino” in albanese, dal soprannome di uno degli arrestati) che ha smantellato un’organizzazione criminale dedita alla detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini hanno consentito di individuare un gruppo a composizione mista, capeggiato da vari soggetti di spicco della criminalità albanese dediti all’attività illecita di narcotraffico internazionale e composto, altresì, da soggetti di origine magrebina in grado di rifornire l’intera provincia di Modena, la regione Emilia Romagna e gran parte del Nord del nostro Paese di eroina “rosa” e “brown sugar”.L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena, in stretto raccordo con la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga ed il Servizio Centrale Operativo del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, ha consentito di sgominare l’organizzazione criminale avente base logistica nella città di Modena, con svariati collegamenti con tutte le regioni del Nord Italia e che utilizzava la cd. rotta “turco-albanese” per l’ingresso delle sostanze stupefacenti in Italia.Nel corso delle perquisizioni sono state sequestrate nove autovetture, due motoveicoli, la somma di € 50.000,00 in contanti, armi fra cui una pistola semiautomatica, modello “7,65”, con matricola abrasa, con relativo munizionamento.I provvedimenti sono stati eseguiti a Modena, Bari, Ferrara, Milano, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Siracusa e Trieste, in collaborazione con il personale delle locali Squadre Mobili, coadiuvati da equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine e da unità cinofile antidroga della Polizia di Stato.