Palermo: Polizia di Stato occupata nell’operazione anticorruzione "Fintares"

Roberto Imbastaro

La Polizia di Stato di Palermo sta eseguendo una vasta operazione anticorruzione, denominata FINTARES, per l’esecuzione di 15 provvedimenti cautelari per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, istigazione alla corruzione, truffa e falso materiale.

Le indagini degli uomini della squadra mobile hanno fotografato un avvilente ed inquietante spaccato di corruzione, sviluppatosi all’interno dell’Ufficio Tributi del Comune di Palermo, ove un manipolo di impiegati comunali, tra cui un funzionario, si era stabilmente associato allo scopo di commettere una pluralità indeterminata di reati di corruzione, truffe in danno della PA, falso ed ogni altro reato che si rendesse strumentale al mercimonio della pubblica funzione.

La corruzione agiva senza freni in un settore, quello della riscossione del tributo legato allo smaltimento del rifiuto solido urbano (TARES/TARSU), attraverso la fraudolenta alterazione della posizione contributiva del contribuente. Per i casi fin’ora presi in esame è stato stimato un danno per le casse del Comune di Palermo di diverse centinaia di migliaia di euro.