Pedofilia, 7.240 siti denunciati nel 2009

Massimo Scambelluri

 Sono state 1.560 le segnalazioni di siti web pedofili inviate alla Polpost e alle polizie estere dall’associazione Meter di don Fortunato Di Noto, per un totale di 7.240 indirizzi, tra portali e link, dei quali 541 allocati in Italia. Nel 2008 erano stati in totale 2.850.Gli Usa sono in testa con il 23% delle segnalazioni, seguiti dalla Russia con il 22%, mentre per il 15% i siti pedopornografici sono ospitati da provider con sede in Europa. I dati sono contenuti nel Report 2009, presentato oggi dall’associazione, secondo cui i pedofili sembrerebbero aver trovato uno spazio privilegiato nei social network. Nel 2009 Meter ha denunciato 851 comunità di pedofili: 509 segnalazioni su Ning (100 profili sequestrati e oscurati), 39 su Youtube, 20 su Facebook, 5 per Netlog, 278 per Grou.ps. Decine di migliaia tra iscritti, foto pedofile e video. Altre segnalazioni riguardano il "file sharing", fenomeno oggetto del 60% delle indagini per detenzione e in alcuni casi produzione e divulgazione di materiale pedopornografico. Nel 2009 è emerso anche il diffondersi della così detta infantofilia, l’abuso di bimbi da pochi giorni a due anni. Secondo Meter, il giro d’affari oscilla tra 2,04 e 13,62 miliardi di euro per un totale di 200.000 minori coinvolti ogni anno. "Denunciate e rompete il silenzio – è l’appello di don Di Noto – considerate i figli degli altri come figli vostri e non temete di intervenire con le vostre segnalazioni a Meter e Polpost se ritenete che certe situazioni possono portarvi a sospettare. Quello che conta, però, è non perdere il coraggio e la voglia di andare avanti: il male esiste ma possiamo distruggerlo. Si richiede un patto educativo, bisogna partire dai nuovi nati digitali, difendendo e tutelando i già nati".