Polizia di Stato: successo per l’operazione "Dragone"

Roberto Imbastaro

L’operazione “Dragone” condotta dalla Polizia di Stato ha avuto inizio 1° marzo u.s. e si è conclusa oggi, permettendo di ottenere i seguenti risultati:  • sono state tratte in arresto 50 persone (33 per sfruttamento della prostituzione, 14 per reati contro il patrimonio, 2 in materia di armi ed una per reati contro la persona);• 445 soggetti denunciati in stato di libertà (152 per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, 126 per sfruttamento della prostituzione, 16 per reati contro il patrimonio, 3 in materia di armi, 3 per reati contro la persona, 8 per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, 20 per violazione della normativa sull’impiego di lavoratori e 117 per altri reati);• sono state controllate 2750 persone;• sono stati sequestrati preventivamente 29 immobili utilizzati, soprattutto, per lo sfruttamento della prostituzione principalmente nelle regioni del Nord Italia.Circa 85 appartamenti sono stati controllati dalla Polizia di Stato in quanto utilizzati da cittadini cinesi per sfruttare la prostituzione di giovani connazionali. I controlli hanno interessato anche il gioco d’azzardo. Nel contesto sono state chiuse 5 bische clandestine, nonché sequestrate alcune slot machine risultate non collegate con i terminali ministeriali e, in alcuni casi, anche clonate.Durante i controlli ad esercizi commerciali effettuati dalla Polizia di Stato, in sinergia con Uffici di altre Amministrazioni dello Stato, sono stati riscontrati, e sanzionati, oltre 300 illeciti amministrativi in materia di salute pubblica e permanenza degli stranieri sul territorio.