Polizia, operazione Sex.com

Tiziana Montalbano

  La Polizia di Trieste ha smantellato un gruppo criminale dedito al favoreggiamento della prostituzione. Tre gli arrestati, tutti italiani, ritenuti responsabili di aver gestito alcuni siti internet dove venivano pubblicizzati incontri sessuali a pagamento. L’indagine ha permesso di bloccare l’attività illecita proprio mentre si stava allargando a macchia d’olio in altre regioni del nord e centro Italia. Ragazze italiane e dell’Europa dell’est e sudamericane, pubblicizzavano i loro servizi attraverso siti gestiti da persone insospettabili. I contatti per la preparazione e la successiva pubblicazione dell’annuncio, avvenivano sempre via e-mail e il costo arrivava fino a 200 euro al mese, pagato dalle ragazze tramite il servizio Postepay. Nel corso dell’operazione, avviata da controlli a carico di prostitute che esercitavano in appartamenti del centro di Trieste e Udine e condotta con numerose intercettazioni telefoniche, sono stati indagate complessivamente dieci persone tutte per favoreggiamento della prostituzione. Sono stati sequestrati numerosi personal computer, carte postepay e book fotografici nel corso di perquisizioni eseguite nelle province Vicenza, Brescia e Treviso, mentre a Torino  è in corso il sequestro di uno dei più noti siti  in Italia per gli annunci on line.