Polizia postale: l’operazione “Top gun” e…la caduta di Maverick

Paola Fusco

La Polizia Postale e delle Comunicazioni di Cagliari ha denunciato per attentato alla sicurezza dei trasporti una persona che nel corso dell’estate si era introdotta nelle comunicazioni radio dei velivoli in transito sulle rotte aeree della Sardegna. La complessa indagine, scaturita dalla segnalazione ricevuta dalla Polizia postale e delle comunicazioni di Roma dall’Enav, ha permesso di rilevare strumentalmente dei segnali e di individuare l’uomo. L’ente infatti, riceveva quasi quotidianamente dai piloti di diversi vettori in transito sulle rotte dell’isola, segnalazioni di interferenze sulle comunicazioni dei velivoli, modulate da un ignoto “operatore” che, presentandosi come “Maverick”, forniva istruzioni. La svolta nelle indagini si è avuta nelle ultime settimane grazie all’apporto del personale del 7° reparto volo della Polizia di Stato (Abbasanta). È stato quindi individuato nelle campagne del nuorese un casolare protetto da porte in metallo e grate alle finestre: all’interno la Polizia postale ha sequestrato apparati ricetrasmittenti, materiale  radioamatoriale  e altra strumentazione informatica. Sulla porta di ingresso dell’abitazione la scritta “Top gun”.