Riciclaggio on-line: un arresto della Polizia Postale

redazione

Dovrà rispondere di riciclaggio on-line di denaro sporco un torinese di 46 anni denunciato dalla Polizia postale di Biella al termine di una complessa indagine informatica. All’uomo era stato fatto un bonifico di 3.000  euro promettendogli il 20% di percentuale se questi avesse trasferito  su un altro conto 2.400 euro.

Si tratta del secondo caso scoperto dalla Polizia postale  biellese ma, spigano gli inquirenti, si tratta di un fenomeno sempre  più diffuso ad opera soprattutto di associazioni criminali romene che avendo la necessità di ripulire il denaro guadagnato illecitamente, in particolare con la clonazione di bancomat o con rapine, utilizzano  il riciclaggio on-line. Nella pratica, queste organizzazioni  accreditano su un conto della persona coinvolta, che è stata  contattata in precedenza via e mail garantendogli una percentuale se questi si presta a spostare il denaro che gli viene accreditato su un  altro conto che per lo più si trova in Romania o in qualche paese africano.