Roma: blitz motorizzazione per patenti "facili"

Roberto Imbastaro

L’ inchiesta, partita dal gennaio 2011 e portata avanti dal gruppo Sicurezza pubblica ed emergenziale della Polizia locale di Roma Capitale, ha evidenziato che i pubblici ufficiali della Motorizzazione arrestati aiutavano durante gli esami gli stranieri che pagavano: suggerivano le risposte o addirittura compilavano loro i test. A richiedere al gip, Antonella Minunni, le sei ordinanze di custodia cautelare il procuratore aggiunto Alberto Caperna e i sostituti procuratori della Dda Roberto Felici e Carlo Lasperanza. L’ accusa per gli arrestati e’ corruzione ed induzione in errore del pubblico ufficiale per il rilascio delle patenti. Ad incastrare le sei persone intercettazioni telefoniche, ambientali e pedinamenti; in particolare sono state installate nelle sale d’ esame di due sedi della Motorizzazione, via Salaria e via Laurentina, otto telecamere che per circa 45 giorni hanno videoregistrato lo svolgimento dei test