Rubate pietre preziose dal laboratorio, bottino da 200 mila euro

Roberto Imbastaro

Pietre preziose perun valore di oltre 200.000 euro sono state rubate la scorsa notte dal laboratorio ‘ Frassineti’, storica azienda forlivese specializzata nel taglio e incisione di pietre dure e realizzazione di gioielleria. La banda di malviventi, sicuramente – secondo gli inquirenti – un gruppo specializzato in questo tipo di furti su commissione, dopo avere disattivato il sistema d’ allarme del laboratorio, situato nel quartiere periferico di Cava, ha divelto un’ inferriata di una finestra e da qui e’ penetrata nei locali. Poi con tutta calma i ladri hanno forzato, utilizzando un flessibile, una grossa cassaforte, mentre una seconda, piu’ piccola, e’ stata portata via (e’ stata poi ritrovata, aperta e vuota, in un campo). I ladri sono riusciti a mettere le mani su un vero tesoro fatto di topazi, zirconi, zaffiri, onici, coralli, acquamarine, lapislazzuli e oro. La banda si e’ poi allontanata probabilmente a bordo di un paio di vetture, dirigendosi, vista la posizione della seconda cassaforte, verso sud, per consegnare al piu’ presto il bottino al ricettatore, che non avra’ difficolta’ a piazzare la refurtiva sul fiorente mercato nero dei preziosi.