Sequestrata uva da tavola nelle campagne di Acquaviva

Roberto Imbastaro

Utilizzavano illegalmente “ROGOTER 40” per trattare Uva da Tavola in due tendoni ubicati nelle campagne  di Acquaviva, tra Cassano Murge e Adelfia. Per questo gli uomini del Comando Stazione Forestale di Cassano delle Murge (BA), supportati da unità del S.I.A.N. (Servizio di Igiene Alimentare e Prevenzione) della A.S.L./BA, hanno posto i sigilli a due distinti tendoni ove il prodotto veniva utilizzato, portando a termine in meno di 48 ore, una articolata operazione di polizia agro-alimentare a tutela della salute pubblica messa a rischio dall’impiego in agricoltura del citato antiparassitario vietato dalla legge nazionale.  L’utilizzo e la commercializzazione del “ROGOTER 40” sono stati infatti espressamente vietati a partire dal 1° ottobre 2008 dal Ministero della Salute. Tale prodotto fitosanitario inoltre contiene un principio attivo denominato “dimetoato” il cui impiego sulla vite è altresì escluso dalla legge italiana. L’azione di polizia agro-alimentare è scattata all’interno dei citati impianti viticoli allorquando taluni commercianti si stavano ivi introducendo, ignari di acquistare uva illegalmente trattata con prodotto nocivo. L’intervento dei forestali ha dunque impedito che le uve dei tendoni fossero destinate al mercato per il consumo. L’intero raccolto, corrispondente a diverse decine di migliaia di euro, sarà abbattuto ed avviato allo speciale smaltimento previsto dalla vigente normativa di settore. L’odierna operazione di polizia agro-alimentare sembrerebbe costituire una delle più importanti nel genere sinora registrate sul territorio nazionale. Denunciato il proprietario e conduttore del tendone per il reato di utilizzo di prodotto fitosanitario non autorizzato oltre che per il più grave delitto di adulterazione di sostanze alimentari destinate all’alimentazione, fattispecie punita dal codice penale con la reclusione fino a dieci anni. Il sequestro è stato convalidato dal GIP del Tribunale di Bari.

Si ricorda che il Corpo Forestale dello Stato, ai sensi della Legge 06 Febbraio 2004 n° 36, è deputato, tra gli altri, ai controlli derivanti dalla normativa comunitaria agroforestale e ambientale e concorre nelle attività volte al rispetto della normativa in materia di sicurezza alimentare del consumatore e di biosicurezza in genere.