Sfruttamento della prostituzione: 12 arresti a Bari

giovanni de roma

Dodici persone (9 romeni e 3 italiani) facenti parte di un’associazione finalizzata allo sfruttamento della prostituzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, sono state arrestate dai finanzieri del Comando Provinciale di Bari nell’ambito dell’operazione “Transilvania” durata circa un anno e coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Le giovani ragazze erano provenienti dall’est europeo ma, con la falsa promessa di un matrimonio fortunato o di un lavoro stabile in Italia, venivano invece avviate alla prostituzione in uno stato di totale assoggettamento se non di vera e propria schiavitù.

Determinanti per la riuscita delle indagini sono state le intercettazioni telefoniche che hanno fatto emergere particolari agghiaccianti su come le ragazze venivano ingaggiate e poi sfruttate senza alcuno scrupolo.

I componenti della banda avevano il controllo totale di ogni loro azione, e se al termine della giornata l’incasso non era quello stabilito scattavano inevitabili violenze fisiche.

Secondo quanto accertato, la banda di sfruttatori dopo aver “acquistato” da altri padroni le ragazze, le sfruttavano al massimo per conseguire ricavi da investire nel settore immobiliare, salvo poi sostituirle dopo 4-5 mesi con altre sfortunate giovani attirate in Italia con lo stesso inganno di poter ottenere un lavoro dignitoso e una vita migliore.