Sinai, terrorismo: l’Egitto risponde con gli Apache

redazione

L’Egitto mostra i muscoli al terrorismo e lo fa tre giorni dopo l’attacco ad un posto di frontiera che aveva causato la morte di 16 agenti. Venti presunti militanti islamici sarebbero stati uccisi, secondo la tv egiziana,  in un raid aereo dell’aviazione militare nella penisola del Sinai. L’attacco sarebbe avvenuto nei pressi del villaggio di Tumah, nel nord della penisola del Sinai, dove un elicottero Apache avrebbe ha aperto il fuoco su un gruppo di veicoli con a bordo terroristi. L’operazione, che dovrebbe essere ancora in corso, sarebbe scattata dopo che nella notte alcuni assalitori hanno attaccato diversi check-point nella località di El-Arish,
senza provocare vittime.