Symantec: il futuro del commercio online in totale sicurezza

redazione
La fiducia è la moneta più importante su Internet. Di recente si sono diffuse molte notizie su conti rubati e siti web vittime di attacchi hacker. Questo è un problema soprattutto per i negozi on-line perché gli acquirenti, per paura, diminuiscono, con effetti negativi sul business. Ma come si può costruire la fiducia sul web e come si può garantire un commercio on line in totale sicurezza per gli utenti?
La risposta sta nei certificati cosiddetti SSL (Secure Sockets Layer), che consentono un trasferimento dei dati sicuro tra utente e sito web. Questo va a beneficio di entrambe le parti: il browser rileva automaticamente che si tratta di un sito web sicuro e i visitatori possono contare sullo scambio crittografato di informazioni. Allo stesso modo, i venditori di servizi on-line hanno la garanzia che i loro servizi sono protetti, perché oltre al danno fisico che può verificarsi, la loro reputazione è sempre in gioco.
Per stare al passo con le minacce informatiche nuove e sofisticate, l’Istituto Nazionale di Standard e Tecnologie (NIST) raccomanda a tutti i siti web di migrare da certificati RSA a 1024 bit a certificati RSA da 2048 bit entro il 1 gennaio 2014. Symantec ha iniziato la transizione per i propri clienti certificati già lo scorso anno. Con l’annuncio di oggi, l’azienda amplia il suo portafoglio di SSL con nuovi algoritmi di sicurezza per affrontare questa esigenza con una maggiore protezione e prestazioni.
Symantec, inoltre, per prima è in grado di offrire certificati SSL disponibili in commercio che utilizzano Elliptic Curve Cryptography (ECC) e Digital Signature Algorithm (DSA). Queste due nuove tecnologie di crittografia SSL sono approvate dal governo degli Stati Uniti e sostenute dalla National Security Agency.