Truffe on-line, Pescara: scattati due arresti e 17 denunce

Redazione

Le indagini sono partite in seguito ad una miriade di truffe fatte con diversi account e-Bay (master-vantec, shops_center, k-golden-k, esse_di_esse, orion.elettronic, costuiler, premiunt e alsemione) mediante i quali venivano simulate vendite di smartphone, tablet, notebook e prodotti tecnologici vari e denunciate presso la Sezione Polizia Postale di Chieti.Tali episodi di truffa, apparentemente scollegati, in realtà avevano dei dettagli che li accomunavano, per cui grazie ad un’intensa attività investigativa si accertava  l’esistenza di un sodalizio criminale dedito alla commissione di una serie di reati.Il modus operandi era piuttosto collaudato: con documenti falsi di altri soggetti, ignari o anche compiacenti, venivano aperti svariati account su siti di E-commerce sempre con largo anticipo, al fine di crearsi una certa anzianità di registrazione sul sito e un alto numero di feedback positivi creati ad hoc dagli stessi criminali.L’operazione ha visto impegnati anche gli uomini del Commissariato di Lanciano, del  Reparto Volo di Pescara e del Reparto Prevenzione Crimine “Abruzzo” di Pescara.