Zscaler presenta Business Insights un sistema di analisi alimentato dall’intelligenza artificiale per l’analisi dei rischi informatici

redazione

Zscaler, Inc. (NASDAQ: ZS), leader nella sicurezza cloud, ha annunciato la disponibilità di Business Insights, una nuova soluzione che entra a far parte della sua offerta Business Analytics, che consente alle aziende di ridurre la diffusione incontrollata di soluzioni SaaS e di ottimizzare l’utilizzo degli uffici per migliorare l’esperienza sul posto di lavoro risparmiando sui costi. Inoltre, Zscaler ha presentato diversi altri miglioramenti che includono innovazioni basate sull’Intelligenza Artificiale all’interno delle sue offerte di prodotti Zscaler Risk360™ e Zscaler Digital Experience Monitoring™ (ZDX). Queste soluzioni sfruttano il più grande cloud di sicurezza al mondo, Zscaler Zero Trust Exchange™, che osserva ogni giorno più di 370 miliardi di transazioni e 500000 miliardi di segnali, ed è ora utilizzato per formare i motori di sicurezza AI/ML più potenti al mondo.

“I responsabili IT che supervisionano aziende distribuite geograficamente sono costantemente chiamati a controllare i costi, migliorando nello stesso tempo la produttività e riducendo l’esposizione ai rischi”, ha dichiarato Patrick Foxhoven, chief innovation officer and executive vice president, Zscaler. “Tuttavia, i singoli prodotti specifici non sono in grado di fornire informazioni sufficienti per supportare ambienti di lavoro distribuiti con applicazioni in continuo aumento e collaboratori che lavorano da qualsiasi luogo. I dati isolati provenienti da sistemi diversi creano punti ciechi in aree come il rischio informatico, l’esperienza digitale e le tendenze di utilizzo delle applicazioni e dei luoghi di lavoro. I clienti si rivolgono quindi allo Zscaler Zero Trust Exchange™ di Zscaler per ottenere direttamente

i dati necessari a rafforzare la trasformazione delle applicazioni, della rete e della sicurezza”.

Con Zscaler Business Analytics, i responsabili IT possono migliorare l’esperienza dei dipendenti, ridurre i rischi informatici, ottimizzare la spesa per le soluzioni SaaS e l’utilizzo degli uffici, il tutto grazie alla loro soluzione Zscaler già in campo. Queste preziose informazioni contribuiranno a ridurre i costi e a mantenere le aziende sicure e produttive.

“Con Risk360 siamo in grado di ottenere visibilità sui punti ciechi dei rischi informatici”, ha dichiarato Darin Hurd, CISO di Guaranteed Rate. “Questa visibilità ci permette di concentrarci meglio su dove impiegare il nostro tempo, in modo da affrontare e neutralizzare i rischi informatici più pressanti”.

La nuova soluzione Zscaler Business Insights consente alle aziende di:

  • Valutare e gestire l’utilizzo di SaaS, compreso la shadow IT, per identificare le applicazioni ridondanti o inutilizzate e ridurre i costi delle licenze.
  • Visualizzare l’utilizzo degli uffici in tutte le sedi a livello globale per comprendere le tendenze sul luogo di lavoro, inclusi i giorni e gli orari di utilizzo degli uffici, l’utilizzo a livello di reparto, i problemi di sovra e sotto dimensionamento e le opportunità di consolidamento e risparmio.

I potenziamenti di Zscaler Risk360 consentono ai team IT di:

  • Scaricare le valutazioni di maturità della cybersecurity basate sull’intelligenza artificiale generativa di Zscaler, basata su modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) sviluppati internamente.
  • Sfruttare in modo più efficace i dati di terze parti, come quelli di CrowdStrike, per identificare ulteriori segnali di rischio e ridurre il potenziale di violazione dei dispositivi degli utenti.
  • Accedere a nuovi modelli di rischio finanziario che includono risultati della “simulazione Monte Carlo” che mostrano le distribuzioni dei possibili scenari finanziari legati al rischio informatico.
  • Supportare la stesura di rapporti personalizzati per facilitare gli adempimenti di conformità ai regolamenti finanziari.

I recenti miglioramenti apportati a ZDX offrono ai responsabili IT la possibilità di:

  • Individuare e analizzare le cause dei problemi grazie all’intelligenza artificiale che aiuta gli analisti del service desk a velocizzare il triage e la risoluzione in pochi secondi senza richiedere competenze informatiche approfondite.
  • Ridurre la quantità dei ticket IT dando agli utenti finali la possibilità di risolvere i problemi locali con notifiche self-service e passaggi risolutivi guidati dall’intelligenza artificiale.
  • Monitorare e ottimizzare in modo proattivo le prestazioni prima che gli utenti ne risentano, grazie a una dashboard degli incidenti basata sull’intelligenza artificiale per rilevare, analizzare e identificare la causa originaria dei problemi che interessano più utenti.
  • Semplificare la collaborazione tra service desk e team di rete condividendo snapshot ZDX con un’analisi dettagliata delle cause principali e riducendo il tempo medio di risoluzione.