Veeam: è il momento di tenere sotto controllo i costi del cloud

redazione

Sebbene nell’ultimo anno si sia parlato di recessione economica, le previsioni finanziarie possono essere tanto azzeccate quanto le previsioni del tempo. Tuttavia, mentre i rapporti suggeriscono che i timori di recessione sono attualmente più diffusi delle recessioni stesse, per l’Europa in particolare le prospettive non sono esattamente rosee. Ciò che non è in discussione, tuttavia, è che l’industria tecnologica globale si sta preparando a superare la tempesta.

Le aziende tecnologiche stanno cercando di ottimizzare i costi in tutti i settori. Un’area in cima alla lista dei CIO è il controllo della spesa per il cloud. Anche le recenti fortune del cloud sono state strettamente legate alla pandemia, con il mercato dei servizi cloud più che raddoppiato in soli tre anni dal 2020. Quindi, se la bolla della pandemia è davvero finita, il cloud sta per scoppiare con essa? Non necessariamente, perché ridurre i costi del cloud non significa ridurlo del tutto.

Grandi aspettative

Può sembrare ovvio, ma a volte vale la pena ricordare che l’ottimizzazione dei costi è stata una delle ragioni principali per l’adozione di strategie cloud. E non si tratta semplicemente di una cosa troppo buona: nonostante gli oltre 63 miliardi di dollari spesi in servizi cloud solo nei primi tre mesi del 2023, è opinione comune che circa il 30% di questa spesa vada sprecata. Quindi, nonostante il cloud prometta pascoli più convenienti, in realtà molti CIO stanno ancora aspettando che l’investimento iniziale si ripaghi, ma come è successo?

Anche se, se sfruttato correttamente, il cloud può ridurre notevolmente i costi, è importante ricordare che i fornitori di cloud non si occupano di farvi risparmiare. Se ordinate dalla vostra catena di pizza preferita e aggiungete un condimento dopo l’altro, non vi fermeranno per chiedervi: “Siete sicuri di aver bisogno di tutto questo?”. Il valore del cloud è che si paga per ciò che serve, ma il problema è che la sua flessibilità è un’arma a doppio taglio. Questo ha messo in difficoltà molti CIO al punto che il termine “shock da bolletta”, un tempo riservato ai servizi pubblici, è diventato sinonimo di cloud computing. Le bollette possono scalare a dismisura non solo perché è più facile che mai creare nuovi ambienti, ma anche perché i team IT spesso si concentrano su ciò di cui avranno bisogno in futuro e non guardano sempre indietro a ciò che non serve più. 

Entrare in FinOps 

Ecco perché negli ultimi anni abbiamo assistito all’ascesa delle operazioni finanziarie (FinOps). Storicamente i team operativi non hanno mai dovuto preoccuparsi dei costi quotidiani, ma l’ascesa del cloud ha portato con sé bilanci dominati dall’OpEX. Guardare alle operazioni IT attraverso una lente finanziaria è fondamentale per controllare questi costi, soprattutto su scala aziendale.

Le opzioni per iniziare a ottimizzare i costi del cloud sono ampie e la scelta della strategia giusta per il proprio ambiente è spesso il primo ostacolo per i team operativi. La ri-piattaforma o il rimpatrio in un nuovo cloud o il ritorno al vecchio server fisico sono entrambe opzioni praticabili. Tuttavia, entrambe comportano un grande dispendio iniziale e spesso non risolvono necessariamente il problema alla radice, per non parlare della necessità di dover gestire il vendor lock-in.

Piuttosto che cercare di allontanarsi, molti scelgono di immergersi ancora di più nel cloud e di riarchitettare con modelli e servizi cloud-native per cercare di scaricare i costi. Ciò potrebbe includere una migliore gestione delle istanze VM, l’implementazione di un tiering intelligente per i costi di storage o l’implementazione di container e Kubernetes. Quest’ultimo aspetto, tuttavia, deve essere configurato correttamente, altrimenti può finire per essere altrettanto oneroso per i bilanci. Se la flessibilità del cloud è un’arma a doppio taglio, Kubernetes è una lama ancora più grande, che offre maggiori vantaggi ma anche maggiori rischi finanziari se gestita male.

Questo è un buon esempio di quanto il personale e le competenze siano fondamentali per ottimizzare la spesa per il cloud. La carenza di competenze nel cloud è un problema costante per il settore e un fattore importante per cui ci troviamo in questa posizione. La pandemia ha essenzialmente costretto molte aziende (e i loro team IT) a lanciarsi nel cloud senza il tempo necessario per prepararsi e ora molte ne stanno ancora pagando (letteralmente) le conseguenze. Da allora, anche se il divario si sta lentamente riducendo, molti team non hanno le competenze necessarie per intraprendere la riarchitettura su larga scala che potrebbe essere richiesta per ottimizzare i costi. Le aziende devono ricorrere a competenze esterne, se necessario, o ad alternative come moduli dedicati per il risparmio dei costi o soluzioni automatizzate per l’ottimizzazione dei costi del cloud.

Il pezzo mancante

Infine, è fondamentale che durante il processo decisionale di ottimizzazione del cloud non si trascurino la sicurezza e la protezione dei dati. Con minacce informatiche come il ransomware sempre più diffuse, le aziende devono assicurarsi di essere il più resistenti possibile a queste minacce, altrimenti i risparmi a breve termine potrebbero portare a sofferenze a lungo termine. Secondo il Veeam Ransomware Trends Report 2023, l’85% delle organizzazioni ha subito almeno un attacco informatico in un periodo di dodici mesi; un aumento rispetto al 76% registrato nell’anno precedente, quindi non è il momento di ridurre la protezione nel cloud.

È importante che questo aspetto rimanga in primo piano, ad esempio quando si esaminano i costi dello storage per i backup ospitati nel cloud o quando si cambiano i livelli di storage per i carichi di lavoro esistenti. In sostanza, le decisioni per ogni carico di lavoro nell’ambiente devono essere prese tenendo conto di questi tre fattori: operazioni, finanze e protezione dei dati. Ciò può significare che, mentre le aziende mirano a ridurre la spesa complessiva per il cloud, la protezione dei dati come frazione di questa potrebbe continuare ad aumentare. In effetti, secondo il Veeam Data Protection Trends Report 2023, la maggior parte delle organizzazioni di tutto il mondo prevede di aumentare il budget per la protezione dei dati nel 2023 del 6,5%, un dato nettamente superiore ai piani di spesa complessivi in altre aree dell’IT.

Anche durante il boom economico, le aziende devono tenere sotto controllo gli sprechi della spesa per il cloud, ma in un contesto di incertezza economica e di un settore tecnologico che si sta leccando le ferite, è più importante che mai. Sebbene, a rigore, il momento migliore per agire sia stato all’inizio, quando i carichi di lavoro sono stati spostati per la prima volta nel cloud, la prossima opzione migliore è adesso.