ACI protagonista della Conferenza internazionale sulla metodica CAF per la P.A.

redazione

L’Automobile Club d’Italia è stato grande protagonista alla conferenza EU CAF Users, appena conclusa a Praga e dedicata alla metodica CAF (Common Assessment Framework – Griglia comune di valutazione), definita a livello europeo, nell’ambito della collaborazione tra le pubbliche  Amministrazioni, per la gestione della qualità totale.

Il  Dipartimento della Funzione Pubblica e il Centro Risorse CAF Formez hanno individuato nell’ACI la best practice italiana da illustrare sul palcoscenico internazionale, premiandone l’unicità e l’innovatività della metodologia CAF adottata, a tutto vantaggio delle altre realtà pubbliche dell’Unione Europea.

In particolare, è stata apprezzata l’esperienza della Direzione Territoriale ACI di L’Aquila che, in sinergia con le strutture ACI di Chieti, Pescara e Teramo, ha perfezionato la realizzazione congiunta ed efficace di un Piano di miglioramento unico.

Questo importante riconoscimento internazionale premia la collaborazione decennale dell’ACI con il Dipartimento della Funzione Pubblica (Centro nazionale Risorse CAF) e con l’EIPA – European Institute of Public Administration (Centro  europeo Risorse CAF), finalizzata alla diffusione in tutta la Federazione ACI del modello di eccellenza CAF e della procedura europea CEF (CAF External Feedback). Ad oggi sono già 36 le sedi territoriali di ACI certificate CEF.

“Il nostro impegno continuo a vantaggio dei cittadini e dello Stato – ha dichiarato Sabina Soldi, Direttore della Direzione Presidenza e Segreteria Generale ACI – introduce nuovi standard di eccellenza nella P.A. italiana e conferma la qualità straordinaria raggiunta dal servizio pubblico italiano. Non a caso, infatti, il know how dell’Automobile Club d’Italia è stato scelto già nel 2016 come best pratice internazionale  in un convegno a Bratislava”.

—